Top News: MOTOMONDIALE: GP ITALIA. ROSSI ”AL MUGELLO LA GARA PIU’ IMPORTANTE”

SCARPERIA (FIRENZE) (ITALPRESS) – “Questa per me è la gara più importante. Nonostante siano tanti gli anni che corro, i giorni prima della gara del Mugello sono diversi perché si sente di più la tensione per un insieme di cose. Darò il cento per cento per arrivare sul podio perché qui il podio è il più bello dell’anno”. Così Valentino Rossi, a margine della conferenza stampa di presentazione del GP d’Italia al Mugello. Sulle voci di un Marquez malato, non in piena forma, il “Dottore” risponde “Secondo me è tutta una strategia. Lui adesso arriva così e domani sta bene mentre noi domani abbiamo quaranta di febbre e non ce la facciamo a girare” dice sorridendo. “Non pensavo sarebbe mai stato male, perché da quando lo conosco non ha mai avuto problemi, come un mutante, ed invece ha il raffreddore. A parte gli scherzi penso che tutto ciò gli darà molto fastidio”.

“Questa è una pista molto particolare, quindi bisognerà vedere. Vedo molto forti le Ducati, anche a Le Mans sono arrivato quinto ma gli sono arrivato molto vicino. Quindi dipenderà molto dalla posizione di partenza, da come riusciamo ad andare in rettilineo. La pista è bella, l’anno scorso abbiamo fatto un buon week-end però vediamo da domani. Sarà molto importante lavorare e fare le scelte giuste. Sono tanti i piloti velocissimi”. Valentino Rossi è poi andato nel dettaglio della pista del ‘Mugello’. “In accelerazione è dove perdiamo di più però anche in velocità massima siamo sempre molto indietro. C’è un rettilineo solo mentre a Le Mans ci sono tante accelerazioni. Magari riusciamo a stare più vicino. Le Honda e le Ducati ultimamente vanno veloci anche nelle curve e non possiamo ‘sgalluzzare’ tanto. Dobbiamo farci trovare al massimo e poi sfruttare la moto. Nel dritto, in gara soprattutto, è molto più difficile passare, dobbiamo avere una velocità decente per stare in scia. Difficile fare una previsione. A Le Mans mi aspettavo di fare meglio. Bisogna assolutamente stare nei dieci dopo le prove perché sennò tutto sarà molto più difficile”.

(ITALPRESS).