Lazio: BALLOTTAGGI, SEI COMUNI ALLA DESTRA

L’effetto Lega si abbatte dirompente pure sul Lazio. Dei 9 comuni al ballottaggio, sei hanno eletto ieri candidati del centrodestra e in alcuni casi di chiara fede “salviniana”. A Civitavecchia conquista la guida della città l’avvocato Ernesto Tedesco, ex Fratelli d’Italia da poco confluito nella Lega: ha avuto il 58,14% rispetto al 41,86% dello sfidante del centrosinistra Carlo Tarantino. A Nettuno vittoria inequivocabile di un altro candidato del centrodestra, l’ingegnere Alessandro Coppola che al secondo turno ha conquistato il 60,45%, doppiando Waldemaro Marchiafava del centrosinistra, fermo al 39,5%.
A Tarquinia si è consumata una sfida tutta interna al centrodestra, tra il candidato della Lega Alessandro Giulivi, che si è imposto con il 58,2% su Gianni Moscherini.

A Tivoli l’avanzata della destra, rappresentata dal candidato Vincenzo Tropiano, è stata arginata da Giuseppe Proietti, rappresentante di una lista civica e che ha vinto il secondo turno con il 65,3% delle preferenze. Il centrosinistra vince a Monterotondo: il candidato Riccardo Varone è stato premiato dal 51,5% degli elettori. Il fronte progressista vincente pure a Cassino. Enzo Salera ha conquistato il 58,8% delle preferenze staccando lo sfidante del centrodestra Mario Abruzzese. A Palestrina vittoria del centrodestra rappresentato da Mario Moretti: per lui il 53,4% delle preferenze, 7 punti in più rispetto allo “zingarettiano” Manuel Magliocchetti.
Centrodestra vittorioso pure a Ciampino. In questo caso successo della candidata Daniela Ballico: per lei il 54,1% dei voti, risultato superiore a quello ottenuto da Giorgio Balzoni del centrosinistra. Infine a Civita Castellana vittoria per l’esponente della destra Franco Caprioli che con il 70,8% ha praticamente doppiato l’avversario del centrosinistra Tonino Zezza fermatosi al 29,2%.