Politica: SALVINI “COSA CE NE FACCIAMO DELLE SCUSE?”

“Cosa ci facciamo con le scuse di una signorina che ha provato a investire quattro militari italiani che le intimavano l’alt? Fortunatamente le immagini le hanno viste tutti. Spero abbia compreso la portata dei guai che ha combinato, e spero soprattutto che giustizia venga fatta. Noi, come ministero dell’Interno, siamo pronti a procedere con la sua espulsione coatta, direzione Berlino, come persona indesiderata. È il minimo”. Lo afferma il ministro Matteo Salvini, in una intervista a La Verità sul caso Sea Watch.

“Di profughi finora ne ho visti ben pochi. Sulle 44.000 domande di asilo politico da inizio anno, i tecnici ne hanno respinte 34.000, che significa il 75% – continua Salvini -. Ne hanno accolte 9.000, e nel frattempo molti erano spariti. Quelle validate per protezione umanitaria sono il 2% del totale. Di cosa stiamo parlando? I tre quarti di questi signori non avevano diritto di stare in Italia neanche un quarto d’ora”.