Economia: TIM INVESTE SUL 5G, 120 CITTÀ ENTRO IL 2021

Con il 5G Tim dà il via alla trasformazione digitale del Paese. Si parte da Roma, Torino e Napoli (presso il Villaggio delle Universiadi) dove Tim ha già acceso il 5G e reso disponibili i primi servizi commerciali per famiglie e aziende, per arrivare entro quest’anno in altre 6 città: Milano, Bologna, Verona, Firenze, Matera e Bari, 30 destinazioni turistiche, 50 distretti industriali e 30 progetti specifici per le grandi imprese, con velocità fino a 2 Gigabit al secondo. Il 5G di Tim è stato presentato oggi a Roma e hanno partecipato l’Ad di Tim, Luigi Gubitosi, Carlo Nardella, Chief Strategy, Customer Experience & Transformation Office e Lorenzo Forina, Chief Revenue Officer.

Entro il 2021 saranno 120 le città coperte, 200 le destinazioni turistiche, 245 i distretti industriali e 200 i progetti specifici per le grandi imprese, con una velocità che aumenterà progressivamente fino a 10 Gbps con una copertura complessiva pari a circa il 22% della popolazione. Potranno beneficiare del 5G molti comuni avvalendosi anche di connessioni superveloci grazie alla soluzione FWA. Il 5G porterà a una trasformazione fino ad oggi inimmaginabile della rete fissa e mobile, con prestazioni 10 volte superiori a quelle attuali. Il 5G di Tim non è solo una evoluzione relativa agli standard tecnologici, ma una vera rivoluzione che aprirà la strada a una nuova generazione di servizi necessari allo sviluppo digitale del Paese, che miglioreranno la qualità della vita quotidiana di clienti, cittadini e imprese in diversi settori. Il lancio del 5G sarà accompagnato da uno spot istituzionale ideato da Luca Josi, direttore Brand Strategy, Media & Multimedia Entertainment, on air nelle prossime settimane. Tim offrirà inoltre il roaming 5G in sei Paesi iniziando entro luglio con Austria, Gran Bretagna, Svizzera, per proseguire successivamente con Spagna, Germania ed Emirati Arabi. Tim sta inoltre lavorando per offrire servizi sempre più personalizzati alle realtà industriali del Paese per rendere più efficienti i processi produttivi, grazie anche all’adozione della tecnologia MiMo per ottimizzare la capacità di connessione. In ottica Industry 4.0 sono state avviate applicazioni nel campo della robotica e dell’automazione industriale. 

Con la connessione mobile è possibile comandare bracci robotici utilizzando le funzioni che il 5G offre in termini di banda e latenza. Inoltre, miliardi di device e sensori applicati a cose e persone, con connessione ad altissime prestazioni, genereranno un numero sempre crescente di dati, accompagnando l’evoluzione della società digitale dei prossimi anni per applicazioni in ambito di mobilità urbana, pubblic safety, monitoraggio ambientale e offerta turistica. Per accompagnare questa trasformazione digitale Tim dopo l’estate lancerà specifiche iniziative di formazione e alfabetizzazione digitale rivolte a cittadini e imprese.