Cronaca: NAVE ALEX A LAMPEDUSA, TUTTI SBARCATI

Sono sbarcati tutti intorno all’1 di questa notte i migranti che si trovavano a bordo della barca “Alex” di Mediterranea Saving Humans, ormeggiata al molo Favaloro di Lampedusa.
In precedenza due donne e un minore erano stati fatti scendere per essere trasportati al centro medico dell’isola. La Guardia di Finanza ha proceduto al sequestro della imbarcazione, con il decreto notificato al capitano Tommaso Stella, che è indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina mentre, spiega su Twitter l’Ong, la notizia che l’intero equipaggio indagato risulta invece priva di fondamento. I migranti hanno trascorso la notte nell’hotspot di Lampedusa e hanno ricevuto cure e assistenza.

Immediata era stata ieri la reazione del ministro dell’interno Matteo Salvini:”Non autorizzo nessuno sbarco di chi se ne frega delle leggi italiane e aiuta gli scafisti. Io denunciato per sequestro di persona? Siamo al ridicolo. La nave dei centri sociali, che a quest’ora sarebbe gia’ arrivata a Malta che aveva dato la disponibilita’ di un porto sicuro, infrange la legge, ignora i divieti ed entra in acque italiane. Le Forze dell’Ordine sono pronte ad intervenire, vediamo se anche in questo caso la ‘giustizia’ tollerera’ l’illegalita’”.

Il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello, senti dall’agenzia Italpress, aveva sottolineato come la situazione a bordo fosse grave: “Le condizioni di alcuni migranti non sono affatto buone e quindi è stato chiesto di consentire lo sbarco. Sulla nave posso assicurare che non c’e’ neppure lo spazio per una cassa d’acqua”.

Alessandra Sciurba, portavoce di Mediterranea Saving Humans, nel corso di una conferenza stampa improvvisata sulla banchina del porto di Lampedusa, ha detto: “Non abbiamo mai rifiutato aiuto di nessuno, siamo sempre stati disponibili a trasbordare i naufraghi su assetti navali italiani o maltesi per il trasporto a Malta. C’è stata una chiara volontà politica di non darci altra possibilità, siamo stati obbligati a violare l’alt che ci era stato intimato e ci è stato reso impossibile considerare La Valletta un porto sicuro. Abbiamo chiesto di potere trasbordare tutte le persone su qualunque nave Italiana o Maltese, ma non è stato reso possibile. Sono tutte menzogne per potere poi raccontare una storia falsa, ma ci son gli atti che parlano”.