Regione Basilicata: PREMIO LETTERARIO BASILICATA, BARDI “CULTURA VOLANO PER CRESCERE”

“La cultura rappresenta la giusta proiezione della nostra regione per puntare ad un contesto internazionale: abbiamo Matera Capitale europea della Cultura, ma possiamo anche fregiarci di un Premio letterario di grande rilevanza, che non a caso è arrivato alla quarantottesima edizione”. Lo ha detto il presidente della Regione, Vito Bardi, partecipando oggi alla conferenza stampa di presentazione del Premio letterario Basilicata, promosso dal 1972 dal circolo culturale “Spaventa Filippi”. Presenti all’incontro, anche il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala, il presidente del circolo, Santino Bonsera, l’assessore alla Cultura del Comune di Matera, Giampaolo D’Andrea. “La cultura – ha proseguito Bardi – è fondamentale, muove ed indirizza la vita di tutti noi. Come Regione cercheremo in ogni modo di andare incontro alle necessità manifestate dai promotori del premio questa mattina. Rinnovo anche un saluto ai giovani: la presenza di ragazzi qui, oggi, è un momento importante. Come istituzione ci sentiamo vicini alle giovani generazioni e crediamo fermamente nelle loro potenzialità. Il nostro intento è quello di creare nuove opportunità per i ragazzi, affinché rimangano in questa regione e contribuiscano alla sua crescita. Mi complimento naturalmente con gli organizzatori del premio, che portano avanti dal 1972 questa difficile avventura che accredita, anno dopo anno, la nostra Basilicata come presidio di cultura a livello nazionale”.

Il presidente del circolo “Spaventa Filippi”, Santino Bonsera, nel suo intervento ha evidenziato “la sensibilità del presidente Bardi, per aver ripristinato dopo alcuni anni la consuetudine di  ospitare la conferenza stampa di presentazione del premio nella sala Verrastro del palazzo della giunta, definendola “il cuore dell’istituzione regione”. “Questa – ha sottolineato il governatore – è la casa dei lucani, nessuno qui si deve sentire ospite: un premio di tale importanza è giusto che abbia la rilevanza e l’attenzione che merita”.