Politica: TAV, CONTE “NON FARLA COSTEREBBE DI PIÙ”

Il premier Giuseppe Conte prende posizione sulla Tav e non usa giri di parole: “Sono intervenuti dei fatti nuovi, elementi di cui dobbiamo tenere conto nella risposta che venerdi’ il governo dovra’ dare all’Inea per evitare la perdita dei finanziamenti europei. L’Europa, e questo è il primo elemento nuovo di cui tenere conto, si e’ detta disponibile ad aumentare il finanziamento della tratta transfrontaliera dal 40 al 55% e  questo comporterebbe un notevole risparmio per l’Italia”. 
Quindi “alla luce di questi nuovi finanziamenti comunitari non realizzare il Tav costerebbe molto piu’ che completarlo e dico questo pensando all’interesse nazionale che e’ l’unica stella polare che guida il governo. Questa è la posizione del governo ferma restando la piena sovranità, la piena autonomia del Parlamento”. Comunque, il presidemte del Consiglio non manca di ringraziare il ministro delle Infrastrutture e Trapsorti. “Ulteriori finanziamenti dell’Unione europea saranno disponibili grazie all’impegno del ministro Toninelli. Per questo lavoro che lui ha compiuto lo devo ringraziare pubblicamente”. Poi, spiega che “per bloccare l’opera non potremmo quindi confidare in un mutuo dissenso della Francia e dell’Europa. A queste condizioni solo il Parlamento potrebbe adottare una decisione unilaterale, viste anche le leggi di ratifica adottate a suo tempo proprio dal Parlamento su questo punto”.

A stretto giro arriva il commento del vice premier e leader della Lega Matteo Salvini: “La Tav si fara’, come giusto e come sempre chiesto dalla Lega. Peccato per il tempo perso, adesso di corsa a sbloccare tutti gli altri cantieri fermi”.

Da partua sua, invece, l’altro vice premier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, non nasconde una certa delusione: “Ho ascoltato attentamente le parole del presidente Conte, che rispetto. Il presidente è stato chiaro, ora è il Parlamento a doversi esprimere. Sarà il Parlamento, nella sua centralità e sovranità, che dovrà decidere se un progetto vecchio di circa 30 anni e che sarà pronto tra altri 15, risalente praticamente alla caduta del muro di Berlino, debba essere la priorità di questo Paese. Sarà il Parlamento ad avere la responsabilità di avallare un progetto prevalentemente di trasporto merci (e sottolineo trasporto merci) mentre non esiste ancora l’alta velocità per le persone in moltissime aree del Paese. Sarà il Parlamento a dover decidere se è più importante la tratta Torino-Lione, cioè se è più importante fare un regalo ai francesi e a Macron, piuttosto che realizzare, ad esempio, l’alta velocità verso Matera, capitale europea della cultura, o la Napoli-Bari”. Poi, rincara la dose: “qualcuno, adesso, vorrebbe farci credere che la priorità del Paese sia questa. Media, giornali, apparati, tutto il sistema schierato a favore. Non noi. Non il MoVimento 5 Stelle. Per noi la Torino-Lione era e resta un’opera dannosa. Il MoVimento 5 Stelle – sottolinea – presenterà un atto per dire che le priorità sono altre, un atto che non è altro che il cambiamento che abbiamo promesso. Non abbiamo paura di restare soli, siamo sempre stati soli davanti ai partiti ed è sempre stato motivo di orgoglio”. E per essera cnora pù chiaro, Di Maio chiosa: “Questo è un no forte, convinto, deciso. Uno di quei no che fanno bene. Sappiamo di stare dalla parte giusta della storia. Qui lo sviluppo non c’entra un bel nulla, qui gli interessi sono altri”.