Mezzogiorno: IMPRESE BALNEARI, NAPOLI IN TESTA

Estate e turismo, in Italia si contano 8.002 attività che gestiscono stabilimenti sulle spiagge dei nostri mari, sulle rive dei laghi e sulle sponde dei fiumi o noleggiano pedalò e canoe, un settore in crescita del +2,4% in un anno. Tra le province più attrezzate, Napoli batte Savona e si colloca al primo posto con 449 imprese, 5,6% italiano e +3% in un anno, seguita da Savona con 428 attività (5,3% del totale) e da Rimini con 423 (5,3%). Tra le prime dieci aree per numero di imprese, crescono soprattutto Cosenza (+7,6%), Salerno (+6,1%) e Latina (+6%). Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Registro Imprese al I trimestre 2018 e 2019.
Turismo, i percorsi della Camera di commercio per le imprese. La Camera di Commercio, in collaborazione con la Regione Lombardia ed il supporto di Explora, realizza l’Ecosistema Digitale Turistico (EDT) per rafforzare la competitività delle imprese del settore turistico, in particolare con la promozione delle destinazioni lombarde. Tra le iniziative di promozione dell’attrattività un progetto di Assistenza Specialistica e il progetto di Formazione per operatori turistici (https://www.milomb.camcom.it/turismo).

Per Valeria Gerli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi: “Come Camera di commercio puntiamo alla valorizzazione di questi luoghi di benessere, riposo e divertimento, in abbinamento con visite culturali per una esperienza turistica più completa e soddisfacente alla scoperta del territorio”.
Il settore in Italia per regione. Emilia Romagna (12,5% nazionale), Toscana (12,1%) e Campania (11,3%) le regioni che trainano il settore con rispettivamente 1.000, 966 e 903 imprese. Tra le regioni che crescono di più in un anno Umbria (+22,2%), Trentino (+15,4%)  e Sardegna (+6,9%).
La Lombardia con 172 imprese cresce del 1,2% con Milano (60 sedi d’impresa che sono attive nel noleggio di barche) e i laghi che bagnano i territori di Brescia (47, +12%) e Como (18).
Barche made in Italy: l’export del settore nel 2018 supera 1,8 miliardi. Unione Europea (circa 603 milioni di euro e 32,8% del totale) e America centro-meridionale (435 milioni, 23,6% del totale e +16% tra 2017 e 2018) i principali clienti.

Si è diretto verso gli Stati Uniti il 22,3% dell’export italiano per 410 milioni di euro (+37,5% in 1 anno). Tra i primi Paesi acquirenti anche Isole Cayman (210 milioni, 11,4%, +19,4% in un anno) e Malta (204 milioni, 11% del totale). In crescita anche Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Spagna. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Istat anni 2017-2018.