Politica: RENZI “CONTI IN SICUREZZA E POI AL VOTO”

“Io tramare con i cinquestelle nemmeno sotto tortura. Sono stato diffamato dal M5S, ma non ragiono per interesse personale. Io ho detto qui c’e’ un caos, creato dal peggior governo della storia repubblicana che ha fallito tutti gli obiettivi: la crescita era +1,7% e ora e’ stata azzerata, l’Italia e’ stata isolata in Europa, c’e’ un clima di paura e di odio soprattutto per le persone ‘diverse’ per il colore dela pelle. Di fronte a questo fallimento penso che l’obiettivo fondamentale sia tornare a votare dopo aver messo a posto i conti e quindi ho detto facciamo un governo istituzionale per evitare l’aumento dell’Iva”. Lo ha detto il senatore del Pd, ex premier, Matteo Renzi ospite su Radio24.

“Le formule sulle coalizioni non sono il mio forte. Penso che chiunque abbia a cuore le sorti dell’Italia non dovrebbe volere una crisi al buio”, ha aggiunto. Secondo Renzi “Salvini è aggrappato alla poltrona e sta mettendo a rischio i risparmi degli Italiani, perchè con l’aumento dell’Iva ci sarà la recessione”. Tornando alla crisi di governo e le prospettive future, l’ex premier osserva: “Ho scelto di non fare la corrente, di come vanno nel Pd interessa zero. Non parlo da leader di una corrente, dico si vada a sistemare la situazione dell’Iva e si mettano in sicurezza i conti e poi si vada al voto. C’è un problema per il Paese, quindi mi sembra molto più saggio che nessuno di noi stia dentro il governo, io non ci sarò. La cosa più logica è che nessuno di noi chieda la benche’ minima poltrona, neanche quella di commissario. Questo dibattito politichese nasconde il fatto che il governo populista ha fallito. Per 14 mesi ci hanno detto che loro erano la speranza e avrebbero rivoluzionato l’Italia, dicevano che avrebbero governato per 30 anni con questa opposizione, invece non sono arrivati neanche a 30 mesi e hanno fatto flop. La proposta è: mettiamoci tutti insieme ed evitiamo che siano gli Italiani a pagare. Se Zingaretti e Di Maio vogliono fare qualcosa di diverso lo facciano io non mi metto di traverso, non sono più il leader di un partito”, ha concluso.