Calabria: LINO MORGANTE NUOVO PRESIDENTE DELLA SES

Lino Morgante è stato nominato all’unanimità, su proposta del vicepresidente Enrico Eugenio Benaglio, presidente della Società Editrice Sud dal consiglio d’amministrazione che si è riunito oggi a Messina, nella sede sociale di via Uberto Bonino. Amministratore delegato e direttore editoriale di SES, succede al padre, il presidente Giovanni Morgante, che ha guidato la società per oltre trent’anni, ed è scomparso – ottantanovenne – lo scorso 17 agosto.
Il testimone della Ses passa quindi a Lino Morgante, 58 anni, laureato in Giurisprudenza all’Università di Messina ed entrato in azienda prima come correttore di bozze e poi, il 27 settembre 1986, assunto dal quotidiano Gazzetta del Sud come giornalista praticante. Capocronista, a Messina, negli anni Novanta, caporedattore per la Sicilia e la Calabria nel 2007, da sette anni, si legge in una nota, riveste la carica di direttore editoriale e amministratore delegato della Società Editrice Sud, primo network del meridione d’Italia, alla quale fanno capo il quotidiano Gazzetta del Sud, la televisione RTP-Radio Televisione Peloritana, la radio Antenna dello Stretto e il sito web gazzettadelsud.it
La Ses, nel 2017, ha rilevato la quota di maggioranza del Giornale di Sicilia, testata a cui, oltre al sito web GDS.it, appartengono la televisione TGS e la radio RGS. Il Gruppo SES copre così interamente i canali informativi multimediali in Calabria e in Sicilia.
Nel 2017 Lino Morgante è stato nominato nel consiglio direttivo della Fieg, Federazione Italiana Editori Giornali, quale presidente della categoria Quotidiani provinciali. E’ anche presidente della Fondazione “Uberto Bonino e Maria Sofia Pulejo”, intitolata al fondatore di Gazzetta del Sud e alla moglie, ente non profit azionista di riferimento della Ses S.p.A che ha come mission la formazione dei giovani del Meridione e il supporto alla ricerca scientifica, attraverso iniziative finanziate con il proprio patrimonio e i dividendi editoriali.
Il neo presidente, conclude la nota, “ha relazionato al consiglio d’amministrazione sull’andamento dei lavori della nuova moderna rotativa, che sarà attiva in autunno nello stabilimento SES di Messina, consentendo al gruppo di poter stampare anche il formato 31×45 e ampliando quindi la capacità del centro stampa, che viene già utilizzato da altri editori nazionali per la diffusione delle pubblicazioni in Sicilia e Calabria”.