Pirelli-SBK: REA, BAUTISTA E GOMME PIRELLI PROTAGONISTI

Dopo nove gare in cui Álvaro Bautista ha dovuto affrontare grandi difficoltà anche a causa di cadute che non gli hanno permesso di racimolare punti utili, lo spagnolo della Ducati oggi è tornato a vincere una gara del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike. Presso l’Autodromo Internacional do Algarve di Portimão l’alfiere della Ducati ha vinto Gara 2 spartendosi il bottino in palio con il pilota della Kawasaki, Jonathan Rea, che in Portogallo ha vinto sia Gara 1 nella giornata di sabato che la Tissot Superpole Race nella mattinata di domenica. Questo ha permesso al quattro volte Campione del Mondo di portare a 91 punti il suo vantaggio su Bautista che, vincendo Gara 2, è riuscito a limitare i danni.
Nel WorldSSP600 invece l’italiano Federico Caricasulo su Yamaha ha vinto la sua terza gara stagionale ed ora è a soli 10 punti di distacco dal compagno di squadra e leader della classifica di campionato Randy Krummenacher. Infine nel Mondiale delle piccole 300 a trionfare è stato l’olandese Scott Derouesu Kawasaki, alla sua prima vittoria stagionale che gli permette di salire al secondo posto in Campionato.
Il fine settimana in Algarve ha permesso a Pirelli di raccogliere ulteriori feedback sui pneumatici di gamma nelle misure maggiorate. Le slick DIABLO™ Superbike in mescola SC0 posteriore in 200/65 e la SC1 anteriore in 125/70, pneumatici già regolarmente in vendita sul mercato, sono stati infatti usati dalla grande maggioranza dei piloti della classe WorldSBK a conferma delle ottime doti prestazionali dei prodotti in misure maggiorate che Pirelli ha già inserito nella propria gamma in queste due mescole e che qualsiasi motociclista può quindi acquistare sul mercato. L’obiettivo di Pirelli è ora quello di completare la gamma con le restanti mescole che compongono la gamma in misure tradizionali. 
Nella Tissot Superpole Race, Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK / Kawasaki ZX-10RR) scatta ancora una volta molto bene dalla pole position riuscendo a mantenere la leadership della corsa. Alle sue spalle è lotta tra Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team / BMW S1000 RR), Sandro Cortese (GRT Yamaha WorldSBK / Yamaha YZF R1), Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team / Yamaha YZF R1) e Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK / Kawasaki ZX-10RR) per i gradini del podio mentre Álvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati / Ducati Panigale V4 R) scivola momentaneamente in nona posizione.
Nel corso del quarto giro Lowes supera Sykes portandosi in seconda posizione alle spalle di Rea, nel frattempo Bautista riesce a risalire fino alla sesta posizione per poi superare Cortese sul rettilineo d’arrivo all’inizio del quinto giro. Il ducatista non si accontenta del quinto posto e punta sùbito la Kawasaki di Leon Haslam che conduce la corsa in quarta posizione alle spalle di Tom Sykes. Nel corso del sesto giro il pilota spagnolo della Ducati riesce a sopravanzare in un sol colpo sia Haslam che Sykes conquistando la terza posizione alle spalle di Lowes. Intanto anche Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing / Kawasaki ZX-10RR) riesce a risalire la china arrivando fino alla quarta posizione. Rea conduce la corsa con un margine di oltre 2 secondi su Lowes e su Bautista, quest’ultimo sempre più vicino al pilota della casa di Iwata. Nel corso del penultimo giro Bautista prova sferrare il primo attacco a Lowes che riesce momentaneamente a respingerlo ma la Ducati in rettilineo è più veloce della Yamaha e Bautista riesce a superare il britannico sulla linea del traguardo per poi condurre l’ultimo giro in seconda posizione. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK / Kawasaki ZX-10RR) vince così la seconda corsa del weekend tagliando il traguardo con un vantaggio di oltre 2 secondi su Álvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati / Ducati Panigale V4 R), secondo, e Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team / Yamaha YZF R1), terzo.
In Gara 2, Álvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati / Ducati Panigale V4 R) è deciso più che mai a lottare per il gradino alto del podio. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK / Kawasaki ZX-10RR) parte bene dalla pole position e traina dietro di sé Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing / Kawasaki ZX-10RR) che, scattato dalla quarta casella in griglia, riesce a sopravanzare sia Bautista sia Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team / Yamaha YZF R1). Completa in terzetto di testa l’altro pilota Kawasaki, Leon Haslam mentre lo spagnolo della Ducati scivola momentaneamente in quarta posizione. Nel corso del quinto giro Bautista inizia la sua corsa alla testa della gara superando Haslam e portandosi così in terza posizione. Nel giro successivo lo spagnolo riesce a superare prima Razgatlioglu e poi Rea diventando il nuovo leader della corsa ma poco dopo è costretto a cedere il passo al pilota turco della Kawasaki. I tre piloti sono racchiusi in meno di un decimo di distacco e poco dopo Bautista riesce nuovamente a passare in testa. Lo spagnolo manterrà poi la prima posizione fino alla fine della gara riuscendo a respingere gli attacchi di Rea, compreso l’ultimo estremo tentativo del nordirlandese sul rettilineo di arrivo. Bautista vince con un vantaggio di solo 1 decimo su Jonathan Rea. Alle loro spalle, in terza posizione, Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing / Kawasaki ZX-10RR), primo dei piloti dei team indipendenti.
(ITALPRESS).