TOSCANA, RISOLUZIONE PER RIDURRE DIVARIO RETRIBUTIVO DI GENERE

Attivarsi nei confronti del Governo e del Parlamento per chiedere il rafforzamento di tutte quelle politiche volte a favorire l’uguaglianza di genere, a partire dalle politiche sull’assistenza all’infanzia, sul potenziamento degli asili nido e abbattimento rette, sull’estensione del congedo parentale e tutte quelle misure e incentivi utili a favorire la parità salariale; a produrre, inoltre ogni azione utile al fine di ridurre il divario retributivo di genere in Toscana; infine: a convocare un tavolo con i rappresentanti delle forze sociali ed economiche, con il coinvolgimento della Commissione regionale pari opportunità, con l’obiettivo di delineare un’agenda di azioni condivise. È quanto sollecita alla Giunta Titta Meucci, consigliera regionale Pd, con una risoluzione con oggetto proprio “in merito alle azioni tese a ridurre il divario retributivo di genere (Gender Pay Gap)”.

“Il divario contributivo di genere – spiega Meucci – è un dato oggettivo che Eurostat quantifica per l’Italia al 43,7% (media europea 39,3%). La stima di tale ‘divario complessivo’ tiene conto dei tre principali svantaggi affrontati dalle donne: retribuzione oraria inferiore; minore ore di lavoro retribuito (a causa di interruzioni di lavoro per prendersi cura di figli o familiari); soprattutto, minore tasso di occupazione. Per queste ragioni, ho riflettuto sul fatto che una regione come la Toscana, da sempre in prima linea nelle battaglie a favore dei diritti delle donne, dovesse fare qualcosa per sensibilizzare e spingere chi ha le competenze ad agire per eliminare l’assurda disparità retributiva. Inoltre il superamento del divario retributivo di genere (Gender Pay Gap) tra uomini e donne è uno degli obiettivi dichiarati dell’Unione europea e, secondo l’ultimo rapporto stilato dall’Eige (Istituto europeo per l’uguaglianza di genere), “l’aumento della presenza delle donne nella forza lavoro e l’eliminazione del divario retributivo tra donne e uomini avranno un impatto positivo sulla crescita economica dell’Unione europea”. Dunque – conclude Meucci – con questo atto speriamo di aver dato il contributo toscano perché l’assioma uguale lavoro, retribuzione uguale, diventi veramente reale per le donne italiane.
(ITALPRESS).



L’articolo TOSCANA, RISOLUZIONE PER RIDURRE DIVARIO RETRIBUTIVO DI GENERE proviene da Italpress.