RIAPRE L’AEROPORTO DI MILANO-LINATE

Dopo 90 giorni, come previsto, Linate torna ad accogliere i viaggiatori. Da domani alle 18.00 cominceranno infatti ad atterrare gli aerei che, dal 27 ottobre, ufficializzeranno la riapertura ufficiale dello scalo milanese con decolli e atterraggi previsti. Due le principali novità: la nuova pista, rifatta interamente, come richiedono le normative europee, e un rinnovato sistema di smistamento dei bagagli. Più lunghi invece i lavori che riguardano il terminal, dove la riqualificazione di un’area a tre tre piani sarà completata per il 2021. Dal 27 luglio, tutti i voli previsti sul city airport erano stati infatti trasferiti su Malpensa, con un notevole sforzo logistico da parte di Sea, la partecipata del Comune di Milano che gestisce gli scali del capoluogo lombardo. Lavori, quelli su Linate, che si erano resi necessari e che hanno comportato un piano di investimenti molto significativo per Sea: sono infatti 70 i milioni che la società ha investito per questi interventi. Nel dettaglio, dopo il restyling da 10 milioni di euro della facciata concluso ad aprile 2018, i lavori della pista sono costati 21,8 milioni, quelli per il nuovo sistema bagagli circa 10,9 milioni e il nuovo fabbricato sei. Linate però guarda oltre e lavora per diventare nei prossimi anni anche uno degli scali europei più avanzati dal punto di vista tecnologico, con nuove strumentazioni per i controlli personali che consentiranno di non separare più dal proprio bagaglio computer, apparecchi elettronici e liquidi oltre i 100 millilitri, oltre a essere in fase di studio anche una tecnologia legata al riconoscimento facciale in tutto lo scalo.



L’articolo RIAPRE L’AEROPORTO DI MILANO-LINATE proviene da Italpress.