Differenza tra modem e router

Ti sei mai domandato quale sia la differenza tra modem e router, due termini che a volte – erroneamente – sono utilizzati come sinonimi?

Cerchiamo di saperne di più, premettendo che, in breve, il router serve a creare una rete tra i computer di casa, mentre il modem collega quella rete, e quindi i computer che sono connessi su di essa, a Internet.

Dunque, quando ci si connette al Wi-Fi, ci si connette al router, che favorisce il traffico tra Internet e il computer. Molti provider Internet, inoltre, offrono un’unità combinata modem/router che esegue entrambe le funzioni in un unico dispositivo.

Ma allora, perché è importante preoccuparsi di capire la differenza tra modem e router? È semplice: questa comprensione può portare a decisioni migliori di acquisto, come la scelta di un modem proprio invece di quello del provider, con conseguente miglioramento delle prestazioni.

Leggi anche Come si scannerizza un documento

Cosa fa un router

Un router collega più dispositivi e instrada il traffico di rete tra di loro. Nel caso della tua rete domestica, il router può dunque connettersi a Internet e alla tua rete locale privata. Inoltre, la maggior parte dei router contiene anche switch integrati che consentono di collegare più dispositivi cablati e molti di essi contengono anche segnali wireless che consentono di collegare dispositivi Wi-Fi.

Il modo più semplice di pensare ai router, soprattutto sulla rete domestica, è dunque quello di “intermediario” tra la connessione Internet e la rete locale, perché consente di collegare più dispositivi a Internet attraverso una connessione alla rete domestica, e consente agli stessi dispositivi di comunicare tra loro attraverso la rete locale. Inoltre, il router offre una migliore protezione ai tuoi dispositivi in caso di esposizione diretta a Internet.

Tuttavia, non è possibile connettersi direttamente a Internet con un solo router. Come sopra anticipato, infatti, il router deve essere collegato a un dispositivo in grado di trasmettere il traffico digitale su qualsiasi tipo di connessione a Internet. E quel dispositivo è un modem.

Cosa fa un modem

Da quanto sopra dovrebbe essere chiaro che il modem funge da ponte tra la tua rete locale e Internet. Storicamente, il termine “modem” è l’abbreviazione di modulatore – demodulatore e… non è un caso: i modem sono utilizzati per modulare i segnali sulle linee telefoniche in modo che le informazioni digitali possano essere codificate e trasmesse su di esse, e poi demodulate e decodificate all’altro capo della linea.

Sebbene le connessioni a banda larga più moderne non funzionano più in questo modo, il termine “modem” è continuato ad essere utilizzato, considerato che le persone già conoscevano il suo scopo e potevano dunque associarlo facilmente con la connessione a Internet.

Il modo in cui un modem si collega alla tua rete dipende oggi dal tipo di connessione che puoi avere. In linea di massima, però, ti sarà però sufficiente rammentare che il modem può inserirsi in un qualsiasi tipo di infrastruttura che hai (cavo, telefono, satellite o fibra) per offrirti una uscita Ethernet che puoi collegare a qualsiasi router (o a un singolo computer) e ottenere così una connessione a Internet. Naturalmente, i moderni modem funzionano anche in Wi-Fi, permettendo così delle connessioni senza fili.

Router e modem combinati

Infine, concludiamo rammentando che alcuni provider offrono ai propri clienti un dispositivo integrato, che altro non è che un modem e un router combinati tra di loro.

Tale dispositivo è dotato dell’elettronica e del software per fornire entrambe le funzioni di modem e router, agendo così come un modem che comunica con il tuo provider e, contemporaneamente, funzionando come router per creare una rete domestica. Alcuni provider raggruppano anche un’interfaccia telefonica nella stessa scatola in modo da poter utilizzare le loro offerte VOIP.

L’articolo Differenza tra modem e router proviene da Italpress.