TEMPERATURE BASSE AD AUSTIN MA PRESTAZIONI GOMME POSITIVE

“Il venerdì è stato dedicato al solito lavoro di preparazione alla qualifica e alla gara con diversi carichi di carburante, oltre ad adattare le vetture a queste condizioni. Abbiamo assistito anche a una notevole evoluzione dell’asfalto nel corso della giornata e in generale sono abbastanza sorpreso da quanto bene macchine e gomme si siano comportate nonostante le basse temperature”. Mario Isola, responsabile F1 e Car Racing Pirelli, è soddisfatto della prima giornata di libere ad Austin nonostante il freddo inaspettato. La prima giornata del Gran Premio degli Stati Uniti è stata anche l’occasione per i piloti di provare le C4 soft per la prossima stagione. “Le temperature molto basse viste finora sono state abbastanza sorprendenti per molti e ovviamente hanno avuto un effetto sulla prestazione delle gomme – commenta ancora Isola – Un po’ dispiace perchè speravamo di offrire ai piloti un primo assaggio delle gomme per il 2020 in condizioni meteo più rappresentative ma ovviamente non c’è molto che possiamo fare a riguardo. Dall’altro lato ci sono stati solo pochi casi di leggero graining nonostante le condizioni estreme, sia per le gomme attuali che per quelle del 2020, e i team sono comunque riusciti a trarre alcune informazioni utili per quanto si tratti di pneumatici della prossima stagione montati su macchine del 2019, e quindi non ottimizzate per questa specifica di gomma. Almeno, però, si sono potute raccogliere delle informazioni in vista del test di fine anno ad Abu Dhabi”.
(ITALPRESS).

L’articolo TEMPERATURE BASSE AD AUSTIN MA PRESTAZIONI GOMME POSITIVE proviene da Italpress.