GOVERNO: CONTE “NESSUN RISCHIO CRISI”

“Le discussioni infinite sulla tenuta della maggioranza non le trovo appassionanti. Peraltro nella mia posizione non posso permettermi distrazioni. Devo rimanere concentrato sulle molte iniziative che servono per migliorare il Paese e la qualità di vita dei cittadini”. Così il premier Giuseppe Conte, in un’intervista a la Repubblica, invitando “tutte le forze politiche e i protagonisti di questo impegno di governo a rimanere concentrati. Verremo giudicati non per i proclami o le frasi a effetto, ma per tutto ciò che di buono riusciremo a fare. Anzi, verremo giudicati anche per quel che avremmo potuto fare e non riusciremo a realizzare”. Di Maio chiede un nuovo “contratto” a gennaio, ma Conte osserva: “Ho già anticipato che non appena la manovra sarà in dirittura finale in Parlamento, dovremo subito concentrarci sulle nuove iniziative da realizzare. Dovremo condividere una lista di priorità utili a rilanciare il Paese. Questo Governo è in carica da appena due mesi e mezzo, e già ha realizzato molte buone cose”. Secondo il premier “con il nuovo anno dovremo realizzare un cronoprogramma con le riforme che l’Italia attende da anni: accelerare i tempi della giustizia civile e penale, ridurre la burocrazia e digitalizzare la pubblica amministrazione, accelerare gli investimenti, rivedere in modo organico il sistema fiscale e in particolare l’Irpef, investire più efficacemente nell’istruzione, nella ricerca e nell’innovazione. Le forze di maggioranza mi sembrano ben pronte a raccogliere queste sfide”. Poi, esclude ci siano le premesse per aprire una crisi, “non vedo proprio questo rischio”. Quanto al M5S, osserva: “Il Movimento sta vivendo una fase di transizione. Sta per operare alcuni significativi cambiamenti, peraltro già annunciati. Auguro a Di Maio e al Movimento intero di realizzarli nel migliore dei modi e quanto prima, così da poter ancora di più esprimere una capacità progettuale e un contributo propulsivo. In piena coerenza con gli ideali originari, che nella mia lettura sono quelli dell’etica pubblica e della ‘buona politica’, più che dell’antipolitica”. A Zingaretti che ha definito il governo senza anima, replica: “Questo governo lavora per un Paese più verde, più digitalizzato, più equo e inclusivo. Si batte e si batterà perchè tutti paghino le tasse, in modo che tutti paghino meno. Farà di tutto per sostenere le famiglie numerose e le persone con disabilità o non autosufficienti. Non solo abbiamo un’anima forte, decisa, a un tempo visionaria e pragmatica, ma io e i miei ministri lavoriamo con una intensa passione”. Quanto a Renzi, per Conte c’è “collaborazione. C’è attenzione nei suoi confronti, lavoriamo nella medesima direzione”.
(ITALPRESS).

L’articolo GOVERNO: CONTE “NESSUN RISCHIO CRISI” proviene da Italpress.