LA MINACCIA SERBIA FRA L’ITALBASKET E TOKYO2020

L’Italbasket finisce a Belgrado, se la vedrà nella prima fase con Senegal e Portorico ma sulla strada per Tokyo 2020 dovrà quasi certamente fare i conti con la Serbia. Effettuato oggi a Mies, in Svizzera, il sorteggio dei quattro tornei pre-olimpici che metteranno in palio gli ultimi biglietti per il Giappone. Gli azzurri giocheranno nella capitale serba dal 23 al 28 giugno: inseriti nel gruppo B, dovranno affrontare come detto Senegal e Portorico con gare di sola andata. Nell’altro girone, invece, ci saranno i padroni di casa, Repubblica Dominicana e Nuova Zelanda. Le prime due formazioni classificate in entrambe i raggruppamenti giocheranno semifinali e finale e la vincente staccherà il pass per i Giochi. Già qualificate a Tokyo2020 in 8: Giappone (Paese ospitante), Spagna, Argentina, Francia, Australia, Stati Uniti, Nigeria e Iran.
“Siamo finiti nel Torneo di Belgrado con la squadra più titolata fra quelle che non hanno avuto accesso diretto a Tokyo – il commento del ct Meo Sacchetti – Nel nostro girone siamo i favoriti, non possiamo nasconderlo. Senegal e Portorico sono due nazionali che abbiamo affrontato recentemente. Gli africani sono una squadra molto fisica. I portoricani, per come era cominciata l’ultima partita del Mondiale in Cina, potevano diventare il nostro peggior ricordo. Passiamo la prima fase, la semifinale e poi giochiamoci le nostre chance contro la Serbia. È la squadra favorita del nostro pre olimpico, e gioca in casa. Ma anche nel 2016 a Torino l’Italia era favorita…”.
(ITALPRESS).

L’articolo LA MINACCIA SERBIA FRA L’ITALBASKET E TOKYO2020 proviene da Italpress.