ALLA VLHOVA LO SLALOM DI ZAGABRIA

Petra Vlhova e Mikaela Shiffrin gareggiano a parte a Zagabria, conferendo distacchi abissali alle inseguitrici. Ad imporsi sulla pista croata è questa volta la slovacca, capace di mantenere e aumentare il vantaggio acquisito nella prima manche. Dopo la doppietta di Lienz, l’americana costretta ad abdicare per mano della diretta rivale (se mai ce ne fosse una) nelle discipline tecniche. Qualche sbavatura nella prima manche per la leader della classifica generale, cui distacco da Vlhova è di oltre 300 punti. La prima tra le umane è Katharina Liensberger: l’austriaca recupera una posizione è precede una Wendy Holdener ancora alla caccia dell’exploit. Per la svizzera, nonostante le grandi potenzialità, sembra ancora utopia raggiungere la diarchia di Vlhova e Shiffrin. Giornata positiva per le azzurre con due atlete in top-15.

Irene Curtoni (tredicesima) raccoglie un altro discreto piazzamento ed è la migliore per quanto concerne l’Italia: “Oggi non ero tanto in forma, però riesco a mantenere una certa costanza di risultati con ampio margine di miglioramento – ha rivelato alla Fisi – Sicuramente non sono questi i risultati a cui ambisco, però mantenendo la continuità posso puntare più in alto. Ora arriva la gara di Flachau, dove lo scorso anno mi ero arenata. Quest’anno punto ad un risultato nelle prime cinque”. Miglior risultato in carriera per Martina Peterlini, quattordicesimo posto e importante iniezione di fiducia per il proseguo della stagione: “Sono felicissima, è davvero bello – ha ammesso tra l’euforia – Sapevo che stavo sciando bene. Finalmente sono riuscita a fare due manche anche se partivo con un pettorale piuttosto alto. Sapevo di avere dentro un bel risultato e ora mi dà molta fiducia”. Infine altri punti per la classe 1999 Lara Della Mea, ventiquattresima al traguardo con un ritardo complessivo di 6″50 dalla testa: “Un’altra gara positiva – ha detto la tarvisiana – adesso voglio provare a dare di più nella seconda manche, dove non riesco a mantenere bene il ritmo e ad osare di più. Sarà un mese intenso perché faremo anche delle gare di Coppa Europa e il programma sarà molto fitto”.
(ITALPRESS).

L’articolo ALLA VLHOVA LO SLALOM DI ZAGABRIA proviene da Italpress.