CIPRO SVELA IL PIANO AMBIENTALE

Nonostante l’apparente mancato raggiungimento degli obiettivi ecologici stabiliti dall’UE per il 2020, Cipro è ottimista sul fatto che raggiungerà i suoi obiettivi per il 2030 con una tabella di marcia decennale sull’energia e sull’ambiente elaborata dai ministeri. Lo riporta il Financial Mirror. Il ministro dell’agricoltura Costas Kadis è ottimista sul fatto che il piano strategico elaborato con il ministero dell’Energia contribuirà notevolmente a rovesciare le scarse prestazioni di Cipro. Il piano, dopo aver ricevuto il via libera dal governo, è stato inviato a Bruxelles per valutazione e approvazione durante le prossime settimane. “Il piano 2020-2030 è così ambizioso che offre lo spazio di lavoro per raggiungere gli obiettivi fissati a livello nazionale ed europeo”, ha affermato il ministro. Kadis ha osservato che con l’attuazione delle misure per un totale di 1,3 miliardi di euro, Nicosia dovrebbe raggiungere ampiamente l’obiettivo di ridurre i gas a effetto serra fissati per Cipro, quindi non pagherà più multe per le emissioni di CO2 che superano l’obiettivo. “La maggior parte delle misure riguarderà il settore dei trasporti. Vogliamo attuare piani di mobilità sostenibile aumentando nel contempo l’uso di veicoli elettrici. “Kadis ha affermato che aumentare l’uso di veicoli elettrici nei trasporti avrebbe senso solo se si verifica un aumento della percentuale di fonti di energia rinnovabile nel mix di produzione energetica. Ha anche osservato che il governo deve promuovere ulteriormente l’uso delle fonti energetiche rinnovabili nella produzione di elettricità investendo nell’efficienza energetica degli edifici statali e in una migliore gestione dei rifiuti. L’ambizioso piano su due fronti mira a facilitare gli obiettivi UE 2030 di Cipro che includono la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra del 40%, per il quale non esiste un mercato di scambio delle emissioni. Secondo gli obiettivi dell’UE fissati per il 2030, Cipro è legalmente obbligata a ridurre le emissioni di questi gas del 24%. Cipro è legalmente obbligata ad aumentare la percentuale del contributo FER al consumo finale lordo di energia dal 2030 al 23%. L’obiettivo per il contributo delle FER ai trasporti è del 14% nel 2020. Cipro dovrà anche aumentare la sua efficienza energetica del 32,5% entro la fine del decennio. Uno degli obblighi dello stato è quello di ristrutturare gli edifici pubblici, migliorandone l’efficienza energetica. Gli obiettivi dell’UE per il 2020 avrebbero dovuto far sì che Cipro rinnovasse il 3% degli edifici pubblici ogni anno. Il piano, essendo più ambizioso di quanto richiesto dall’UE, prevede che Cipro risparmierà circa 243,04 Ktep in più rispetto a quanto richiesto nel decennio. Il paese è inoltre tenuto a contribuire all’obiettivo dell’UE per il 15% dell’interconnessione elettrica tra gli Stati membri e a attuare progetti di interesse comune che promuovono la cooperazione regionale e contribuiscano al completamento del mercato interno dell’UE.
L’obiettivo di Cipro sarà raggiunto dal progetto EuroAsia Interconnector, che collega le reti elettriche di Cipro con Israele e Creta, ma resta da vedere quanta energia trasmessa verrà generata da rinnovabili. Cipro dovrà inoltre stabilire un’adeguata regolamentazione che contribuirà allo sviluppo del mercato e faciliterà la concorrenza a favore dei consumatori. “Il piano prevede inoltre che si concentrerà sul rafforzamento della sicurezza energetica diversificando le fonti energetiche e di approvvigionamento, utilizzando fonti energetiche rinnovabili autoctone e adottando misure per affrontare le difficoltà di approvvigionamento”, ha affermato Kadis.
(ITALPRESS/MNA).

L’articolo CIPRO SVELA IL PIANO AMBIENTALE proviene da Italpress.