Ferrari vince primo round della sfida con Mori

Cala la notte sull’Australia e sul primo round della World Cup di Melbourne. La sfida tutta italiana al corpo libero femminile tra Vanessa Ferrari e Lara Mori si chiude con un leggero vantaggio della prima. Il 13.733 (D. 5.500 E. 8.233) in qualifica garantisce al caporal maggiore di Orzinuovi il secondo posto provvisorio. Il commilitone di Montevarchi si piazza in terza posizione con 13.541 (D. 5.600 E. 7.941). In testa con 14.366 c’è l’americana Jade Carey, che è al comando anche della classifica del torneo biennale che garantirà un pass per Tokyo. La 19enne di Phoenix, oro a squadre a Stoccarda, sta lottando per liberare un posto al team USA, guadagnandosi l’ammissione olimpica individuale, ma dovrebbe riuscirci al volteggio, l’altro attrezzo del quale è leader. In questo modo la Carey lascerebbe la strada libera per la coppia italiana, in una corsa a due tricolore che ne vedrà premiare una soltanto. Nella finalissima di domenica mattina (diretta dalle 5.00 in punto del mattino sul canale YouTube della FGI) ci saranno anche la padrona di casa Georgia Godwin, protagonista oggi di un buon 13.433, la britannica Ondine Achampong (12.833), la canadese Isabella Onyshko (12.766), l’altra australiana Breanna Scott (12.733) e la seconda canadese, Emma Spence (12.700). Restano fuori la giapponese Kiko Kuwajima, il bronzo al corpo libero ai Mondiali di Montreal 2017 Claudia Fragapane e le due ucraine, la Varinska e la Bachynska. La Mori, che ha partecipato anche alla competizione sulla trave, è al momento prima riserva, con il nono parziale, 12.433 (D. 5.200 E. 7.233), e potrebbe rientrare in gioco nel caso del forfait di una delle otto che la precedono. Forfait non necessariamente dovuto a problemi fisici. Nell’economia, infatti, della conquista delle card olimpiche ci si può attendere delle scelte tecnico-tattiche da parte delle varie delegazioni. La leader per ora è la nipponica Urara Ashikawa con il personale di 13.766, inseguita ad un decimo da Anastasiia Bachynska (13.666). Poi l’australiana Nedov (13.100), l’altra giapponese Sakaguchi (13.066), la Achampong (12.991), la Godwin (12.966), Diana Varinska (12.666) e la Spence (12.533). Domani dalle 8.00 diretta sulla pagina federale di YouTube delle prime cinque final eight: corpo libero maschile, volteggio donne, cavallo con maniglie, parallele asimmetriche ed anelli.
(ITALPRESS).

L’articolo Ferrari vince primo round della sfida con Mori proviene da Italpress.