Coronavirus, Zaia “A Vo’ importanti test scientifici”

Centocinquantamila euro per effettuare il maggior numero di tamponi possibili tra i residenti di Vo’ Euganeo, il paese d’origine del primo paziente italiano morto a causa del Coronavirus. È il programma dell’Università di Padova, che, a partire da domani, coinvolgerà medici specializzandi e infermieri volontari della Croce Rossa.
Il cordone sanitario partirà domani per il paesino dei colli euganei e coinvolgerà tutti i residenti disponibili a farsi sottoporre al tampone. Chi risulterà positivo sarà costretto a una quarantena casalinga. Lo studio è stato presentato dal governatore del Veneto, Luca Zaia, dall’assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin, e dal rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto.
Attualmente, a Vo’ ci sono 90 positivi (3% del totale); verrà verificato quanti di questi sono guariti. Padova è in grado di effettuare 1.500 tamponi al giorno.
“Sia ben chiaro, i cittadini di Vo’ non sono delle cavie. A loro totale e piena solidarietà. Vivono in questo cordone sanitario con un alto senso civico: oggi sono in ginocchio, non solo dal punto di vista economico. A mio avviso non ha più senso pensare per loro a un prolungamneto dell’isolamento: hanno fatto ormai i canonici 15 giorni. Garantiamo a loro un servizio importante e approfittiamo di ciò per fare test scintifici unici. E’ infatti un progetto unico, nato strada facendo. Con tutto il campionamento fatto Vo’ è l’unica zona così tanto ‘testata’ dal punto di visto scientifico ed è ben definita geograficamente”, ha spiegato Zaia in conferenza stampa.
(ITALPRESS).

L’articolo Coronavirus, Zaia “A Vo’ importanti test scientifici” proviene da Italpress.