Coronavirus, controlli al porto e stazione di Messina

Controlli serrati stamane nel porto e nelle stazioni centrale e marittima di Messina. Chiunque è stato fermato, controllato al termoscanner da personale sanitario e ha dovuto esibire alle forze dell’Ordine l’autocertificazione che lo autorizzasse allo spostamento. Al terminal di arrivo della Caronte & Tourist, che gestisce le navi provenienti da Villa San Giovanni (RC), la maggior parte proveniva dalla Calabria e viaggiava per esigenze lavorative. Molte persone si sono lamentate dei controlli, che tuttavia sono stati veloci ed efficaci. Verifiche di eventuali sintomi anche per chi era in partenza da Messina verso la Calabria. È stato bloccato persino un carro funebre e controllati documenti e autorizzazioni. Sui treni sono arrivati circa 100 passeggeri e alcuni gruppi di giovani studenti dal Nord.
Per medici e odontoiatri che sono pendolari Messina-Reggio Calabria per lavoro, gli Ordini professionali delle due città hanno firmato ieri un accordo con Bluferries, compagnia delle Ferrovie dello Stato, che consentirà il traghettamento gratuito e senza necessità di scendere dall’auto, per evitare ulteriori contagi.

L’articolo Coronavirus, controlli al porto e stazione di Messina proviene da Italpress.