Mattarella “La Torre e Di Salvo esempi di impegno civile”

“A trentotto anni dall’uccisione per mano mafiosa di Pio La Torre e Rosario Di Salvo desidero unirmi, nel ricordo della loro esemplare testimonianza di impegno civile, ai promotori e ai partecipanti, in collegamento da remoto, alla manifestazione di doveroso ricordo”. E’ il messaggio inviato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al centro studi Pio La Torre, nel giorno del 38esimo anniversario delle uccisioni politico-mafiose di Pio La Torre e Rosario Di Salvo. “L’iniziativa odierna, seppure rimodulata a causa dell’emergenza sanitaria, consolida il percorso avviato dal centro Pio La Torre nella diffusione della cultura della legalità, sostenendo, attraverso attività formative rivolte alle nuove generazioni, la maturazione di una coscienza civile, fattore determinante – aggiunge Mattarella – per contrastare il radicamento di ogni forma di condizionamento della criminalità organizzata nel tessuto sociale, economico e politico”.
“Assume particolare interesse – sottolinea il capo dello Stato – l’indagine annuale sulla percezione del fenomeno mafioso, svolta ogni anno tra gli studenti coinvolti nel progetto educativo antimafia e antiviolenza, i cui risultati, presentati nel corso dell’incontro, costituiranno un’ulteriore opportunità di riflessione e di proficuo confronto, nella consapevolezza del valore del prezioso apporto dei giovani nel comune impegno per l’affermazione della legalità. Con questo spirito, invio a tutti voi un cordiale saluto”.
(ITALPRESS).

L’articolo Mattarella “La Torre e Di Salvo esempi di impegno civile” proviene da Italpress.