La Lombardia lancia la banca del plasma iperimmune contro il Covid

MILANO (ITALPRESS) “Ho parlato con il ministro Speranza e mi ha confermato che il Governo ha particolare interesse a proseguire su questa iniziativa, sulla cura al plasma contro il coronavirus”. Lo dichiara il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, nel corso della diretta da Palazzo Lombardia per la presentazione dei risultati della sperimentazione della terapia ‘del plasma’, con la partecipazione dei rappresentanti dell’Irccs San Matteo di Pavia e dell’ospedale Poma di Mantova.
“Pavia e Mantova sono stati i primi a iniziare questa sperimentazione- dice il governatore- e l’hanno portata a compimento e accende una grandissima speranza per la cura di questo virus”. Fontana evidenzia che la cura al plasma “accende grande speranza per la cura di virus, e ringrazio coloro che hanno partecipato e dato un contributo a questa importante proposta, aprendo una strada seguita in altre parti del mondo”.
“Da oggi lanciamo la banca del plasma iper-immune – aggiunge
l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera –
Dopo aver definito un protocollo per la donazione del sangue e del plasma”, spiega Gallera- inizieremo a fare la raccolta del sangue e del plasma, partendo dai tanti guariti”. Il protocollo, precisa, “dovra’ essere attuato da tutta Regione Lombardia. Gallera riferisce quindi che “tutte le nostre Asst richiameranno le persone che sono state ricoverate da loro e che sono guarite, affinche’ vengano a donare il plasma”. La donazione avverra’ “dopo aver verificato il loro livello di immunita’” e “individuati quelli che ne avranno le capacita’, a loro sara’ chiesto di fare la donazione del plasma”. “Con la cura del plasma iperimmune la mortalita’ scende dal 15% al 6% afferma Fausto Baldanti, responsabile del Laboratorio di Virologia molecolare della Fondazione Irccs Policlinico San Matteo di Pavia.
(ITALPRESS).

L’articolo La Lombardia lancia la banca del plasma iperimmune contro il Covid proviene da Italpress.