Baffi a capo commissione inchiesta Covid in Lombardia

MILANO (ITALPRESS) – Con i soli voti della maggioranza, Patrizia Baffi, consigliere regionale di Italia Viva, è stata eletta alla presidenza della commissione d’inchiesta incaricata di valutare
la gestione dell’emergenza sanitaria covid in Regione Lombardia. Originaria di Codogno e renziana, Baffi è stata eletta oggi pomeriggio a Palazzo Pirelli con 46 voti, mentre a Jacopo Scandella, candidato sostenuto congiuntamente da Pd e Movimento Cinque Stelle, ne ha ottenuti 28. Tre voti sono andati a Michele Usuelli di +Europa, mentre due al consigliere M5s Gregorio Mammì. Due le schede nulle. Dopo l’elezione della Baffi, i consiglieri del M5s hanno lasciato l’aula in segno di protesta.
A parlare di “colpo di mano da parte della maggioranza, per impedire che i lombardi conoscano la verità” è il consigliere regionale pentastellato Massimo De Rosa che dichiara: “Sono settimane che le opposizioni lavorano per un nome condiviso al quale affidare la presidenza della commissione d’inchiesta Covid e settimane in cui la maggioranza ha fatto ostruzionismo, impedendo di fatto alla commissione di cominciare a lavorare”.
“Quanto è successo in commissione d’inchiesta è molto grave e dimostra tutta la paura e della maggioranza in Regione Lombardia per gli errori fatti dalla giunta regionale nella gestione dell’emergenza” commenta il capogruppo del Partito democratico in Consiglio regionale Fabio Pizzul.
(ITALPRESS).