Pesca, prorogata a metà luglio la scadenza dei bandi in Veneto

VENEZIA (ITALPRESS) – La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore alla pesca Giuseppe Pan, ha prorogato a metà luglio la scadenza dei bandi comunitari per iniziative di investimento e formazione professionale nel settore della pesca e dell’acquacoltura. Si tratta di un pacchetto complessivo di misure del valore di oltre 10 milioni di euro di fondi Feamp (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca), cofinanziati da Regione e Stato, a sostegno delle 652 aziende della ‘flottà peschereccia della regione (che rappresenta la prima marineria dell’Adriatico per numero di barche e di addetti) e della filiera dell’acquacoltura.
“L’emergenza COVID-19 ha messo a dura prova imprese, amministrazioni e istituzioni creando un clima di sospensione e di incertezza che grava pesantemente su progetti e investimenti futuri – premette Pan – Per questo, insieme ai funzionari della struttura regionale, abbiamo pensato di rinviare al 15 luglio la scadenza dei bandi per investimenti nel settore della pesca in modo di consentire ad imprenditori, progettisti e finanziatori di valutare meglio lo scenario socio-economico, i comportamenti dei consumatori, le esigenze del mercato, la sostenibilità dei progetti iniziali di ammodernamento e investimento. Specie nel settore della pesca e dell’acquacoltura c’è una incertezza di fondo che rende cauti, prudenti. E che richiede anche un diverso approccio, perchè un investimento ‘sbagliatò o non tarato alle potenzialità del mercato rischia di essere fatale”.
(ITALPRESS).