La pandemia rimodula anche il bando del premio “Chiave a Stella”

Edizione speciale 2020 per il Premio “Chiave a Stella”. Di fronte all’emergenza Covid-19, l’iniziativa che da oltre dieci anni valorizza il meglio dell’ingegno industriale piemontese, torna in una forma più snella e con un’attenzione particolare alle aziende che stanno affrontando difficoltà eccezionali. Per facilitare la partecipazione, quest’anno è stato attivato anche uno Sportello chiave a stella, al quale le aziende potranno rivolgersi anche per la compilazione di un semplice questionario. Lo sportello è presso l’Ufficio Studi di Api Torino. Il Premio anche quest’anno viene attribuito a tre aziende piemontesi che si distinguono non solo per la capacità di esprimere e coniugare innovazione e tradizione, ma anche perché si dimostrano esempi di capacità di affrontare le conseguenze di Covid-19 in modo originale e attento al territorio. Ecco gli ambiti sui quali il Premio porrà la sua attenzione: Responsabilità sociale, capacità di riconversione produttiva, welfare, reti territoriali, organizzazione. All’edizione 2020 del Premi possono partecipare tutte le PMI con sede in Piemonte, come già è accaduto lo scorso anno. Sono previste tre classi di premio: la prima per le aziende con un fatturato fino a due milioni, la seconda per quelle con un fatturato fino a 10 milioni di euro e la terza per le imprese fino ai 50 milioni di euro. Le imprese saranno valutate da una Commissione Tecnica Esaminatrice composta da rappresentanti dei promotori e dei collaboratori del Premio, insieme ai docenti del Politecnico e della Scuola di Management e Economia dell’Università degli Studi di Torino.

“Chiave a Stella”, è promosso da API Torino, Fondazione Magnetto e il quotidiano la Repubblica, in collaborazione con UniCredit, la Camera di commercio di Torino, Unioncamere Piemonte e CONFAPI Piemonte e con il supporto scientifico del Politecnico di Torino e della Scuola di Management e Economia dell’Università degli Studi di Torino. A tutte le imprese che partecipano all’iniziativa, viene data la possibilità di usufruire di un fondo dedicato messo a disposizione da UniCredit per investimenti legati allo sviluppo della produzione e dell’innovazione. Le imprese vincitrici potranno usufruire gratuitamente per il 2020 di un “pacchetto di servizi” messo a disposizione dai partner del Premio.

(ITALPRESS).