UniPa, Al via il progetto di ricerca europeo “SEArcularMINE

PALERMO (ITALPRESS) – Hanno preso il via le attività di ricerca di SEArcularMINE, primo progetto in cui l’Università degli Studi di Palermo svolge il ruolo di coordinatore generale nell’ambito del programma Horizon 2020.
Un finanziamento di circa 6 milioni di euro da parte della UE consentirà ad UniPa di coordinare le attività di un consorzio di 12 partners tra università, istituti di ricerca, PMI e multinazionali di 9 differenti paesi Europei e del bacino del Mediterraneo. Il progetto vedrà anche la partecipazione dello spin-off accademico ResourSEAs SrL, che mira ad implementare l’idea di business che, già nel 2017, era stata votata come migliore idea di start-up innovativa in occasione del Premio Nazionale dell’Innovazione.
“Il progetto ha come obiettivo l’implementazione a scala prototipale di un innovativo processo integrato volto al recupero di energia e materie prime critiche per la UE, come magnesio, litio, rubidio ed altri elementi in tracce, da salamoie di scarto provenienti dalle saline del bacino mediterraneo” spiega il professore Andrea Cipollina, responsabile scientifico del progetto.
“La qualità della ricerca di UniPa è confermata dal ruolo di coordinatore di questo importante progetto, indubbiamente un riconoscimento di prim’ordine di cui siamo orgogliosi – sottolinea il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Fabrizio Micari – Il nostro Ateneo partecipa ad oltre 45 progetti di ricerca nell’ambito del progetto Horizon 2020”.
L’inizio del progetto segna il raggiungimento di un altro importante traguardo dell’Università di Palermo sul fronte dello sviluppo di tecnologie per la valorizzazione di salamoie di scarto, portando all’implementazione su scala pilota dei risultati delle ricerche che già da anni il gruppo di ricerca del Dipartimento di Ingegneria porta avanti sotto la guida del professore Giorgio Micale e dei professori Michele Ciofalo, Andrea Cipollina (coordinatore del progetto SEArcularMINE) ed Alessandro Tamburini (CEO di ResourSEAs).
Il primo settembre prenderanno il via altri due progetti Horizon 2020 che mirano allo sviluppo di tecnologie per il riutilizzo di salamoie di scarto da dissalazione, con la realizzazione di un impianto pilota anche sull’isola di Lampedusa.
(ITALPRESS).