Fedriga “Fvg determinante per la riapertura del confine con l’Austria”

TRIESTE (ITALPRESS) – “Ringrazio il presidente della Carinzia
Peter Kaiser per aver evidenziato come la battaglia portata
avanti dalla Regione Friuli Venezia Giulia attraverso Euregio sia
stata determinante per la riapertura del confine austriaco con
l’Italia”. Sono le parole del governatore del Friuli Venezia Giulia
Massimiliano Fedriga alla notizia della fine del blocco alla
frontiera con l’Italia a partire dal 16 giugno decisa oggi dal
governo di Vienna, confermata durante l’odierna videoconferenza
Euregio dal governatore carinziano Peter Kaiser. Il Veneto era
presente alla riunione trilaterale tenutasi in forma telematica
con il vicepresidente Gianpaolo Bottacin.
“Tornare alla normalità – ha detto Fedriga al termine dei lavori
– significa tornare alla possibilità di muoversi liberamente in
territori limitrofi sia per l’attività economica sia per la vita
quotidiana”. Il governatore del Friuli Venezia Giulia ha
evidenziato come le tre Regioni contermini non si limitino ora a
salutare la riapertura del confine, ma si accingano a rafforzare
la mutua collaborazione. “Puntiamo a favorire l’incontro tra
tutte le realtà produttive della nostra regione, del Veneto e
della Carinzia e questo sentire comune e questa intesa – ha
riferito Fedriga – si tradurranno in un evento Euregio in
programma in Friuli Venezia Giulia che avrà il compito di
elaborare un piano condiviso con lo scopo di affrontare e
superare la crisi economica conseguente alla pandemia”. Il forum
avrà tra i temi cardine il turismo, la digitalizzazione con
particolare riguardo alla cybersecurity e la filiera del legno.
Con il governatore Fedriga ha preso parte alla riunione anche
l’assessore alle Attività produttive e Turismo Sergio Emidio
Bini, insieme al direttore di PromoturismoFVG Guido Gomiero e al
direttore generale della Protezione civile regionale Amedeo
Aristei.
Friuli Venezia Giulia, Veneto e Carinzia, confrontando gli ultimi
dati sul decorso della pandemia, unanimemente giudicati molto
confortanti per i tre territori, hanno concordato di attivare un
gruppo di lavoro con l’obiettivo di velocizzare lo scambio di
informazioni transfrontaliere nel caso in cui alla riapertura del
confine si dovessero conclamare casi di positività di carinziani
in Veneto o Friuli Venezia Giulia o di abitanti delle regioni
italiane in territorio austriaco.
(ITALPRESS).