Il Wwf celebra la giornata mondiale delle tartarughe marine

ROMA (ITALPRESS) – Due Caretta caretta con Tag satellitare saranno protagoniste di un progetto di monitoraggio nel Golfo di Taranto, mentre cinque nidi sono già stati messi in sicurezza in Sicilia. Non si fermano le attività di mappatura con i droni e quelle dei volontari e degli esperti nei centri di recupero del WWF.
Domani martedì 16 giugno si celebra la Giornata Mondiale delle tartarughe marine, che coincide con il compleanno di Archie Carr, conosciuto nel mondo come “il padre della biologia delle tartarughe marine”, specie a cui ha dedicato la sua intera carriera di ricercatore. Questi animali abitano i nostri mari, nidificano sulle nostre coste e sono protagonisti di importanti progetti del WWF rivolti alla loro conservazione e tutela. La salvaguardia delle tartarughe marine, per l’Italia in particolare della specie Caretta caretta, però, è possibile solo grazie al lavoro di esperti e volontari che, anche attraverso l’utilizzo di tecnologie d’avanguardia, si occupano di recupero, cura, monitoraggio e protezione di nidi.
Domani, alle 11, Atramite collegamento in diretta sulla pagina Facebook del WWF Italia dal Centro di Recupero Tartarughe Marine di Policoro sarà presentata la nuova arrivata, Oceania, giovane Caretta caretta di 22 cm recuperata a largo delle coste di Policoro dai pescatori della Cooperativa Nereide, che l’hanno salvata prima che venisse soffocata dalla plastica
(ITALPRESS).