Turismo in Emilia-Romagna, opportunità di rilancio dall’Ue

BOLOGNA (ITALPRESS) – Un incontro online organizzato dal Parlamento europeo in Italia, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e dalla Regione Emilia-Romagna per analizzare le prospettive della ripartenza di un settore strategico per l’economia regionale. Domani, dalle 10 alle 13, amministratori locali, rappresentanti delle istituzioni europee e operatori del settore si confronteranno sulle misure messe in campo dall’Unione europea per sostenere il settore turistico.
Il turismo è uno dei settori più colpiti dagli effetti della pandemia da Covid-19. Un comparto che vale oltre il 10% del Pil e dell’occupazione nell’Unione europea e ha importanti ricadute su settori chiave, quali trasporti, commercio, agroalimentare, industrie culturali e creative, moda, edilizia o cantieristica navale. Il settore del turismo in Emilia-Romagna si conferma sempre di più un asset strategico e un volano di sviluppo per il territorio regionale, come testimonia l’incidenza di oltre il 12% del settore sul Pil regionale e la sua costante crescita negli ultimi anni, con oltre 60 milioni di presenze e 14 milioni di arrivi nel 2019. Far ripartire il turismo significa far ripartire l’economia dell’Emilia-Romagna, del paese e dell’Unione.
Il 13 maggio la Commissione europea ha presentato il pacchetto Turismo che mira ad aiutare la ripresa del settore dalla pandemia, sostenendo le imprese e garantendo che l’Europa continui a essere la prima destinazione dei visitatori. Poche settimane più tardi il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria a Bruxelles, ha chiesto misure più forti per sostenere l’economia e la sicurezza del settore, una strategia volta alla sua modernizzazione e una maggiore apertura verso sostenibilità ambientale e innovazione. In questo contesto, è importante che gli operatori del turismo possano confrontarsi con i rappresentanti delle istituzioni europee sulla definizione di una strategia di sostegno e rilancio.
Ad aprire i lavori sarà Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, seguito da Carlo Corazza, responsabile del Parlamento europeo in Italia e Antonio Parenti, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. A seguire gli interventi di Emma Petitti, presidente Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna, Andrea Corsini, assessore Turismo e trasporti Regione Emilia-Romagna, per un focus sul territorio.
La parola passerà poi agli stakeholders: Paola Batani, titolare della catena alberghiera Batani select hotels, Claudio Fantini, titolare Fantini club Cervia, Giuliano Grani, titolare di società di gestione impianti sciistici dell’Appenino, Lino Giglioli, presidente Consorzio terme dell’Emilia-Romagna), Francesca Velani, coordinatrice di Parma 2021, Enrico Postacchini, presidente Aeroporto di Bologna.
Gli operatori del settore avranno la possibilità di confrontarsi sia con i deputati europei Antonio Tajani, presidente della Commissione Affari Costituzionali e della Conferenza dei Presidenti e capo delegazione Forza Italia (PPE) (tbc), Mara Bizzotto (ID, Lega), Elisabetta Gualmini (S&D, PD), Sabrina Pignedoli (NI, M5s), Carlo Fidanza, capo delegazione Fratelli d’Italia (ECR), che con Ovidiu Ene, policy officer presso la Direzione Generale Mercato interno, industria, imprenditoria e PMI della Commissione europea e con un altro funzionario della Direzione generale per la politica regionale e urbana. Modererà i lavori il giornalista Leonardo Nesti.
L’intero evento sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook del Parlamento europeo in Italia e sarà chiuso da un punto stampa.
(ITALPRESS).