Leclerc “Non siamo in lotta per il podio”

“Fatichiamo ad avere una buona prestazione, non possiamo considerarci in lotta per il podio al momento. Ma cercheremo di cambiare le cose e stiamo lavorando il più possibile”. Così Charles Leclerc in merito alle ambizioni della Ferrari in vista del Gran Premio d’Ungheria. “Quali saranno le nostre performance in pista? È difficile rispondere, l’anno scorso faticavamo tantissimo su questa pista ma quest’anno la macchina è diversa – ha aggiunto il monegasco in conferenza stampa -. Speriamo che i cambiamenti sul bilanciamento possano aiutarci ma ne dubito, mi aspetto che la situazione sia la stessa vista in Austria”. “L’incidente con Vettel in Stiria? È ormai alle spalle. Ho parlato con Seb per scusarmi e penso che lui abbia accettato le scuse. Ma ora la questione è alle spalle e voglio solamente concentrarmi su questo weekend” ha concluso il pilota monegasco.

“Pensiamo che il nostro ultimo aggiornamento abbia funzionato, sarà interessante mettere alla prova la macchina in questo weekend. Sono ottimista, mi piace questa pista e penso che si possa fare la differenza. Abbiamo migliorato la vettura, anche se non è ancora perfetta e non ci permette di lottare per le posizioni di vertice”. Così Sebastian Vettel alla vigilia del weekend del Gran Premio d’Ungheria in merito ai passi avanti che ci si aspetta dalla Ferrari dopo le delusioni in Austria: “Non sappiamo quale sia il nostro livello – confessa il pilota tedesco nella consueta conferenza stampa del giovedì – se domenica fossimo rimasti in pista lo avremmo potuto capire meglio. Sappiamo però venendo qui com’è questo circuito, pensiamo di avere una conferma definitiva sul nostro livello questa settimana”. Il quattro volte campione del mondo è tornato anche sul contatto con Leclerc nel Gran Premio di Stiria: “Non c’è molto da aggiungere, è successa la cosa peggiore che possa accadere. Quando due vetture stesso colore si scontrano è qualcosa da evitare – spiega Vettel – ma sono le corse e queste cose ne fanno parte. Ne abbiamo parlato, sono passati alcuni giorni e qui possiamo fare meglio”. Quindi sul suo futuro il quattro volte campione del mondo, dice: “Aston Martin? Sono solo voci. Non è cambiato lo scenario, ne ho già parlato. Se parliamo del mio futuro non è cambiato nulla nell’ultima settimana. Ho bisogno di tempo per prendere la decisione giusta, quando avrò qualcosa da dire lo farò al momento giusto. Ogni opzione è aperta, non so se guiderò, se non guiderò e tornerò, o se non guiderò più”. Il tedesco è al centro di diverse voci sul suo futuro, ma al momento non ci sono certezze: “Bisogna guardare a quali sedili ci sono a disposizione e quali no – spiega il pilota della Ferrari nella consueta conferenza del giovedì – ho informazioni limitate sui contratti degli altri piloti. Le cose possono sempre cambiare. Ma devo essere io a prendere la decisione su me stesso”.

(ITALPRESS).