Internet, nei piccoli borghi della Toscana arriva la banda ultra larga

FIRENZE (ITALPRESS) – Veloci come in città, grazie alle risorse e all’intervento della Regione. Nei borghi e nelle frazioni più sperdute, montane e non solo, è arrivata la fibra ottica e si sfreccia sulla rete fino a mille megabit al secondo. Quello che ieri non era possibile (e quasi impensabile) oggi lo è. Accade a Santa Fiora sull’Amiata: non solo nel capoluogo ma anche nelle frazioni di Bagnore, Marroneto, Bagnolo Selva e San Sebastiano. In tutto il comune, sessantatrè chilometri quadrati, abitano poco più di duemila cinquecento persone: troppo poche, oltre alla distanza tra i borghi e la scarsa presenza di aziende, affinchè gli operatori privati fossero spinti a investire. E infatti ci hanno rinunciato; e dopo che l’hanno dichiarato, come in molte altre aree cosiddette ‘bianchè, è potuta intervenire la Regione. Come a Semproniano ad esempio o a Roccalbegna, anche loro giunti al traguardo. Due sono state le gare dal nord al sud della Toscana. La prima (25 milioni di risorse regionali Fesr e Feasr, ed altri quattro di fondi ministeriali) ha interessato undici comuni pilota. Sono stati scelti quelli dove più alto era il rapporto tra popolazione ed aziende agricole e industriali. Poi è arrivata la seconda gara, vinta da Open Fiber: 55 milioni di risorse regionali investite utilizzando di nuovo fondi europei, opere per quasi duecento milioni, lavori frazionati a lotti e interventi che hanno interessano un pò tutte le province e i comuni. Anche quelli più grandi, naturalmente solo per le aree ‘bianchè. Open Fiber, che non si rivolge al cliente finale, gestirà in concessione l’infrastruttura per venti anni, mettendola a disposizione degli operatori interessati; poi al termine la rete in fibra ottica tornerà di proprietà pubblica. A Santa Fiora la vendibilità dei servizi in banda ultra larga inizia da oggi, sabato. I cittadini possono dunque da subito rivolgersi ai gestori privati per informarsi sulla varie tipologie di contratto. La ‘rivoluzionè è stata presentata stamani nel corso di una conferenza stampa. “Con la fibra ottica le aziende possono attrezzarsi per essere davvero competitive nel mercato europeo e si possono offrire servizi degni di una smart city”, ha detto l’assessore all’innovazione della Toscana, Vittorio Bugli.
(ITALPRESS).