Dal Barça ok a Superlega, 18 grandi club con il modello Nba

BARCELLONA (SPAGNA) (ITALPRESS) – Nel corso della conferenza stampa post-dimissioni di Josep Maria Bartomeu, un annuncio che fa rumore. “Abbiamo dato la nostra adesione alla Superlega europea”, le parole dell’ormai ex numero 1 del club catalano. Secondo il sito del quotidiano madrileno “AS” la prova che l’idea di un campionato dei grandi club europei è un progetto che viene portato avanti e che non va catalogato alla voce “chiacchiere da bar” come ha detto qualche giorno fa il presidente della Lega spagnola, Javier Tebas. Il torneo, che si chiamerebbe European Premier League, inizierebbe nel settembre del 2022 e ne farebbero parte 18 club, ovvero i migliori club di Spagna, Inghilterra, Italia, Germania e Francia, che si sfiderebbero seguendo il modello NBA, con partite di andata e ritorno e i play-off finali da disputare in una sede unica. A garantire il sostegno economico alla European Premier League gli statunitensi di JP Morgan.
Secondo il Mundo Deportivo la Lega sarebbe formata da Barcellona e Real Madrid per la Spagna, dalle italiane Juventus, Milan e Inter, dai tedeschi del Bayern, dai francesi del PSG e poi in Inghilterra sono interessate a far parte dell’European Premier League Manchester United, Liverpool, Manchester City, Chelsea, Arsenal e Tottenham. Il quotidiano catalano riporta anche le dichiarazioni del presidente della Liga spagnola, Javier Tebas, tra i più critici nei confronti del nuovo presunto torneo e in particolare dell’ormai ex presidente del Barça, Bartomeu. “Nel suo ultimo giorno sfortunatamente ha annunciato la partecipazione della società a una competizione fantasma – le parole del numero 1 dei club iberici – che sarebbe la rovina per il Barcellona e che testimonia la sua ignoranza riguardo all’industria del calcio. Il triste finale di un presidente che ha ottenuto successi, ma che ultimamente ha accumulato errori”.
(ITALPRESS).