Irpinia, De Luca “Si vide il meglio e il peggio dell’Italia”

NAPOLI (ITALPRESS). “Ricordiamo una data che ha segnato profondamente la vita della nostra regione”. Comincia così l’intervento del presidente della Campania Vincenzo De Luca nel giorno del 40° anniversario del terremoto che il 23 novembre 1980 colpì duramente l’Irpinia. Un video messaggio, diffuso sui social, per rendere omaggio alle vittime di “un evento catastrofico che sconvolse intere comunità con migliaia di famiglie che hanno pianto i propri caduti”. “Come sempre accade in Italia – prosegue De Luca – di fronte alle grandi tragedie è emerso il meglio e il peggio del nostro Paese. Da un lato ci sono stati comportamenti non lineari, non limpidi, elementi di speculazione e ritardi burocratici clamorosi. Ma è venuta alla luce anche la grande generosità di migliaia e migliaia di volontari, di cittadini normali e di giovani che hanno fatto registrare un onda di solidarietà da parte di tante persone di tante regioni d’Italia che sono venute a darci una mano e una parola di conforto”.
“Abbiamo fatto di tutto in queste settimane, sembra incredibile dopo 40 anni, per risolvere problemi amministrativi che erano rimasti sospesi. Adesso ricordiamo quegli episodi, quelle immagini, quei paesi distrutti, ricordiamo il dolore di quei mesi e anche il sacrificio di tanti. Rivolgiamo – conclude – ancora una volta il nostro pensiero a quelli che hanno perduto la vita e ai loro familiari”.
(ITALPRESS).