Covid, Spirlì “Ci sono i presupposti per Calabria in zona gialla”

CATANZARO (ITALPRESS) – “Da domenica saremo in zona gialla? Con i nostri dati spero proprio di sì. Ci sono tutti i presupposti per passare in zona gialla, dobbiamo aspettare la decisione del Ministero. Speriamo che il governo prenda in carico i dati che gli abbiamo inviato e che ci hanno permesso di allinearci finalmente al resto d’Italia”. Lo ha detto il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, nel corso di una video diretta sulla sua pagina Facebook. “Ci auguriamo – ha proseguito – che i dati che abbiamo inviato ieri al ministero della Salute ci consentiranno di fare un salto di qualità. La cosa importante non è essere in zona gialla ma, quando lo saremo, riuscire a rimanere persone di buon senso che non si abbandoneranno ad eccessi. Non vuol dire che sarà finita, potremo respirare più tranquillamente, ma il virus continuerà a circolare”.
Spirlì ha sottolineato che “ci dovremo comportare sempre in maniera sensata, niente adunanze, mantenendo le distanze e utilizzando le mascherine con persone non congiunte, perchè a gennaio avremo comunque una prevedibile terza ondata”. Spirlì ha poi spiegato che “ieri, dopo una stretta alle Asp di competenza ed anche un aiuto di cui c’era necessità, abbiamo potuto raggiungere il 63% di attendibilità dei nostri dati. Una quota altissima, dato che prima erano intorno al 30% poichè questi non venivano caricati dalle Asp sulla piattaforma che avevamo messo loro a disposizione molti mesi fa, dotandole di supporto telematico e tablet”.
“Statemi vicino in questi mesi che mi rimangono al comando”, ha poi aggiunto Spirlì. “Lasceremo una Calabria con tante cose buone. I 400 milioni fermi sul dissesto idrogeologico sono finalmente in movimento, come i 136 milioni destinati ai borghi e gli 11 milioni deliberati ieri di cui una buona parte ai tre aeroporti regionali. Stamattina avremo un appuntamento in Prefettura per un tavolo tecnico per riorganizzare la ripresa della scuola e mettere in sicurezza i ragazzi dal 7 di gennaio. Parleremo di trasporto pubblico locale, cercheremo di ottimizzarlo e raddoppiarlo”.
(ITALPRESS).