Poletti top influencer di Linkedin “Aiuto gli altri a trovare lavoro”

“Aiuto le persone a fare rete su LinkedIn, affinché le opportunità di lavoro bussino alla porta di quante più persone possibile”. A parlare è Filippo Poletti, scelto da LinkedIn Italia come “top voice” del 2020. Classe 1970, giornalista e comunicatore d’impresa nato a Milano, a Italpress dice: “Mai come oggi, in un momento di grande difficoltà sul mercato del lavoro, è necessario unire le forze: LinkedIn è una piattaforma imprescindibile per conoscere altri professionisti, condividendo esperienze e conoscenze”.
Grazie a picchi mensili di un milione di visualizzazioni registrate sul suo profilo LinkedIn, Poletti ha saputo conquistare la fiducia di oltre 67 mila follower: ogni mattina alle 8, dal 2017, pubblica la “rassegna del cambiamento sul lavoro”, selezionando uno spunto positivo dedicato ai professionisti.
“Segnalo storie di professionisti e di aziende che possano essere da esempio e siano in grado di ispirare ciascuno di noi a fare sempre meglio come professionisti. L’Italia che lavora – spiega – ha tantissimo da raccontare: se tutti coloro che sono sui social media e più in generale in rete si concentrassero sul bene e sul bello che c’è nel nostro Paese, contribuirebbero a promuovere il sentimento di fiducia, necessario per ripartire”.
Per valorizzare l’universo lavorativo italiano, dal mese di novembre, ogni giovedì alle 18, sempre in diretta su LinkedIn, Poletti conduce, assieme alla psicologa Monica Bormetti, il talk “New Normal Live” dedicato alla “nuova normalità” ai tempi del coronavirus.
“Tutto è nato dopo la mia nomina a “top voice”. Nell’apprendere questa notizia – sottolinea Poletti – ho pensato che dovessi ringraziare tutte le persone che mi seguono quotidianamente e con le quali ho instaurato un dialogo continuo. Per questa ragione ho iniziato un viaggio virtuale alla scoperta degli italiani che operano nel nostro Paese e nel resto del mondo”.
Tra gli ospiti, che si sono già susseguiti, ci sono stati il manager Enrico Borgogna, da 13 anni a Mission Vejo in California alla guida di LPM North America, le sorelle Alessi, fondatrici di Secretary, la più grande community italiana delle assistenti di direzione, Philip Baglini Olland, fondatore di London One Radio, l’unica radio in lingua italiana a Londra, Paolo Privitera, attivo a San Francisco come ceo della grande azienda online Evensi, ed Elisabetta Cardolini Rizzo, manager di Logitech. Il 21 dicembre Davide Oldani, chef con due stelle Michelin, sarà protagonista di “New Normal Live”.
Il 31 dicembre, infine, interverranno a “New Normal Live” la professoressa Alessandra Rampazzo dell’università di Padova e Fabio Rossi della University of British Columbia per lanciare la raccolta di fondi a favore della ricerca sulla cardiomiopatia aritmogena, la malattia del “cuore matto” che ha colpito anche sportivi come Piermario Morosini.
“La nuova normalità è la messa a fattor comune delle energie positive: per questa ragione – rimarca Poletti, definito dal Tgcom come “la Ferragni di LinkedIn” – chiuderò il 2020 lanciando assieme a Bormetti la carica della solidarietà, affinché la sperimentazione sulla malattia del “cuore matto” possa essere accelerata e veda l’Italia ancora in prima linea”.
(ITALPRESS).