L’Inter travolge 6-2 il Crotone

MILANO (ITALPRESS) – L’Inter soffre, rimonta e inizia il proprio 2021 con una vittoria roboante. Prova non indimenticabile per gli uomini di Conte che però dimostrano carattere e risolvono la pratica Crotone ottenendo l’ottavo successo di fila in campionato: tripletta di uno straripante Lautaro Martinez per il 6-2 finale a San Siro. Gli ospiti partono decisamente meglio, sfruttando una scarsa reattività dei nerazzurri. Dopo un paio di occasioni nitide, il Crotone finalizza al minuto 12: l’ex Milan Zanellato incorna tutto solo in area di rigore, trovando il primo sigillo in Serie A per la gioia dei suoi vecchi tifosi. L’Inter non ci sta e la reazione è quasi immediata. Lautaro Martinez viene servito in profondità da Lukaku, difende palla e batte Cordaz per l’1-1 al 20′. Prende fiducia la squadra di casa e con un pizzico di fortuna trova anche il sorpasso al 31′. Solito inserimento di Barella che cerca Lautaro in mezzo all’area: il primo ad arrivare sul passaggio è Luca Marrone che in maniera del tutto sfortunata beffa il proprio portiere. Non c’è un minimo di sosta, con le due compagini molto lunghe e vittima di qualche contropiede di troppo per essere solo la prima frazione. Vidal commette un’ingenuità marchiana atterrando Reca: Aureliano va al monitor del Var a rivedere l’episodio, assegnando il rigore.
Golemic non sbaglia dagli undici metri e rimette in scia i suoi al 36′. Nella ripresa è ancora un incontenibile Lautaro a griffare il tabellino e a riportare avanti l’Inter: l’argentino, servito da Brozovic, fa due passi in avanti verso il portiere insaccando sotto l’incrocio al 57′. Passano 7 giri d’orologio e Lukaku fa tirare un ulteriore sospiro di sollievo a Conte con un gol dei suoi: l’ex United, che uscirà nel finale per un problema muscolare, copre palla come solo lui sa fare e con il sinistro firma il 4-2 al 64′. I nerazzurri dilagano e fissano lo score sul 6-2 grazie alla tripletta personale di Lautaro Martinez, autore di un semplice tap-in al 78′, e al gol di Hakimi al 87′.
(ITALPRESS).