Philadelphia e Utah al comando, sorridono Melli e Gallinari

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Philadelphia e Utah al comando, sorridono Melli e Gallinari. A Est i Sixers si confermano la prima forza sbarazzandosi per 118-94 di Minnesota con un Joel Embiid capace di mettere a referto 37 punti e 11 rimbalzi in 27 minuti, con 16/18 dalla lunetta, e supportato da un Tobias Harris in doppia doppia (17+11). Successo stagionale numero 14 in 20 gare per gli uomini di Doc Rivers che si tengono alle spalle Brooklyn e Milwaukee. I Nets si possono permettere di tenere a riposo Durant: contro OKC bastano Harden e Irving (25 punti a testa, per il Barba anche 11 assist e 10 rimbalzi) nel successo per 147-125 sui Thunder. Serata storta per i Bucks, costretti a inseguire per quasi tutta la partita e alla fine battuti 131-126 da New Orleans. La miglior prestazione stagionale di Lonzo Ball (27 punti con sette triple), sommata ai 28 punti di Ingram e ai 21 di Williamson oltre a un Adams da 20 rimbalzi, cancella quella di Antetokounmpo (38 punti e 11 rimbalzi). Al successo dei Pelicans dà il suo piccolo contributo anche Nicolò Melli: 5 punti con 2/4 dal campo (1/3 dall’arco), due rimbalzi, due assist, una palla recuperata e una persa in 16 minuti per il lungo emiliano. Serata positiva anche per Danilo Gallinari. Atlanta la spunta per 116-100 su Washington, trascinata dal solito Trae Young (41 punti) in una gara piuttosto nervosa, con nove falli tecnici e ben tre espulsi (fra cui Westbrook e Rondo). “Bisogna rimanere concentrati, personalmente non ho tutte queste energie da sprecare per falli tecnici o contestare gli arbitri”, ammonisce il Gallo che, partito dalla panchina, resta 18 minuti sul parquet durante i quali colleziona 11 punti (2/4 da due, 2/4 da tre, 1/2 ai liberi) e tre rimbalzi ma anche tre palle perse. Atlanta sale al sesto posto, avvicinando i Pacers (ko contro Charlotte) mentre Cleveland incassa la terza sconfitta in quattro gare, cedendo per 102-81 ai New York Knicks.
A Ovest dettano legge i Jazz, che contro Dallas infilano l’undicesima vittoria consecutiva (120-101) con 32 punti di Bogdanovic (17 nel solo terzo quarto) e nonostante l’assenza di Mitchell. Per i Mavericks (25 punti di Doncic) quarta battuta d’arresto nelle ultime quattro uscite. Dietro Utah ecco i Clippers che ritrovano George e Leonard (50 punti in due, di cui 35 già nel primo periodo) e vittoria: 116-90 su Orlando. In serie positiva da cinque partite, Denver sbatte contro San Antonio (119-109) mentre diventano tre le vittorie consecutive di Sacramento, che supera 126-124 Toronto.
(ITALPRESS).