Danilo e Alex Sandro “Occhio al Porto ma Juve in crescita”

TORINO (ITALPRESS) – Sottovalutare il Porto sarebbe un errore grave ma la Juve sta continuando a crescere e vuole arrivare in fondo. La sfida di mercoledì al Do Dragao non sarà una partita come le altre per Danilo e Alex Sandro, compagni di squadra nella Selecao e nella Juve ma insieme già proprio al Porto, dove è nata una grande amicizia. “Non credo nelle coincidenze – racconta a questo proposito Danilo, protagonista col connazionale di un’intervista doppia su Uefa.com – Penso che nella vita le cose accadano per una ragione e sono grato per la connessione che ho con Alex e la sua famiglia perchè mi piace circondarmi di brave persone. Ho solo pochi amici stretti e veri, e Alex è uno di loro”. “Abbiamo fatto lo stesso percorso, è bello allenarsi e giocare insieme perchè è come stare in famiglia, e questo ci aiuta molto. Sono felice di questa amicizia che ho con lui e la sua famiglia”, conferma il compagno. “Penso che quello al Porto sia stato un periodo in cui siamo davvero cresciuti molto sia come giocatori che come uomini – aggiunge l’ex terzino di Real e Manchester City – Abbiamo attraversato grandi cambiamenti nelle nostre vite, trasferendoci in un’altra nazione e affrontando dei cambiamenti personali”. Ma mercoledì non ci sarà spazio per i sentimenti. “Penso che, innanzitutto, per cultura e tradizione, il Porto sia sempre una squadra difficile da affrontare in questo tipo di partite – avverte Danilo – Ci preparavamo in modo speciale per queste partite, quindi mi aspetto una grande sfida perchè sono sicuro che Sergio Conceiçào preparerà la squadra per vincere e per andare avanti nella competizione”. “Jesus Corona è un giocatore di classe mondiale – dice ancora Alex Sandro – Ma come ha detto Danilo, è la mentalità del Porto a fare la differenza. Quando eravamo lì, aspettavamo con ansia questi momenti, soprattutto in Champions League contro i grandi club. Il Porto in genere fa grandi prestazioni in casa contro i grandi club. Anche la Juventus però conosce bene il Porto. Sono sicuro che non sarà facile, ma siamo pronti ad andare lì e fare una grande partita. Un giudizio sulla nostra stagione fin qui? Al di là di tutto, penso che i giocatori siano molto cresciuti in quanto a fiducia, così come i tifosi – prosegue – Tutti sono molto cresciuti dall’inizio della stagione. Ci sono stati tanti cambiamenti e tanti risultati anche negativi”. “Penso sia stata positiva finora e guardiamo con ottimismo al futuro – gli fa eco Danilo – Siamo in corsa in tutte le competizioni. Ci siamo qualificati come primi in un gruppo in cui c’era il Barcellona, il che non è un’impresa da poco. Abbiamo vinto 3-0 in trasferta e abbiamo fatto una grande prestazione. La duttilità tattica di Pirlo? Penso che questo sia il futuro del calcio. Non siamo molto lontani da questa svolta. Io sostengo sempre che il calcio sia molto più di semplici ruoli in campo. E’ il momento in cui finisci un movimento a determinare la tua posizione in campo. L’uso dello spazio e del tempo in campo è ciò che determina la tua posizione”.
(ITALPRESS).