Palermo, la Caserma ‘Dalla Chiesà si rifà il look

PALERMO (ITALPRESS) – Alla presenza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e dell’assessore regionale alle Infrastrutture e alla mobilità, Marco Falcone, sono stati presentati i lavori per la ristrutturazione della Caserma ‘Carlo Alberto Dalla Chiesà a Palermo, sede del Comando Legione Carabinieri “Sicilia”. Iniziati già a partire dall’11 gennaio con la consegna alla ditta esecutrice, gli interventi di restauro e ristrutturazione della struttura puntano al recupero degli ambienti sia dal punto di vista architettonico, con l’adeguamento dei locali sul fronte delle recenti normative sul risparmio energetico e il recupero del patrimonio edilizio per mezzo dell’ottimizzazione degli spazi, che per quanto concerne il versante archeologico e storico-artistico della struttura che, alla chiusura dei lavori prevista entro circa due anni, porterà alla fruizione al pubblico e alle visite di tipo turistico e culturale del complesso.
L’iter ha preso il via nel marzo 2016 in sinergia tra Regione Siciliana, Città Metropolitana di Palermo e Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri – con la collaborazione della Soprintendenza ai Beni Culturali – e si inserisce nel solco di un progetto da parte della regione di riqualificazione e recupero delle strutture pubbliche. Per il progetto definitivo sono stati investiti complessivamente 7.100.000 di euro, uno sforzo economico importante da parte della Regione.
“Nel governo regionale vi è ampia disponibilità nel recupero delle caserme – sottolinea il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, nel corso della conferenza stampa di presentazione dei lavori – sia nei capoluoghi che nei centri più piccoli. Per una logica condotta di razionalizzazione ed economicizzazione dei costi, ma anche perchè le caserme sono presidi di legalità. Quando ho compiuto i sopralluoghi e ho capito che senza il nostro tempestivo intervento questi luoghi sarebbero stati soggetti all’abbandono e all’inesorabile degrado, mi sono convinto della necessità di procedere su questa strada”.
“E’ una straordinaria iniziativa che la regione siciliana sta portando avanti con funzione vicariante nei confronti dello Stato – aggiunge l’assessore regionale Falcone – e che ha valore duplice, sia per quanto riguarda la messa in sicurezza e la rifunzionalizzazione dei locali, ma anche legato all’intervento di recupero degli spazi di interesse culturale”.
La gara d’appalto è stata espletata il 21 agosto 2020, aggiudicata dalla ditta Re.Co.Ge di Paternò, che si occuperà dei lavori di recupero e di adeguamento di una struttura di rilevanza storica, sede del Comando Legione dei Carabinieri sin dal 1861 e ospitante al suo interno tre chiese di grande valore artistico.
(ITALPRESS).