Petrucci “Vezzali sarà brava, può ottenere successi”

ROMA (ITALPRESS) – “Che sottosegretario sarà Valentina Vezzali? Sarà brava e non lo dico solo per simpatia perchè con me ha fatto la portabandiera ai Giochi di Londra 2012. Ho avuto con lei un colloquio telefonico e ho capito che ha idee molto chiare che condivido”. Lo ha detto il presidente della Federazione italiana pallacanestro Gianni Petrucci, intervenuto a “La politica nel pallone” su Rai Gr Parlamento. “Il percorso non sarà facile, ci sono diversi problemi nel mondo dello sport con una pandemia che li ha aggravati – ha proseguito Petrucci – Ma conta molto essere una campionessa e con tanta voglia di vincere: la Vezzali parte da un buon presupposto e ha anche un’esperienza politica perchè è stata parlamentare. E poi in tutti i colloqui ha sempre mostrato di avere qualche valore in più. Sono ottimista, Valentina Vezzali può ottenere dei successi come responsabile dello sport” le parole di Petrucci.
“Il problema dei rapporti tra Coni e Sport e Salute non è facile da risolvere, ci sono due personalità molto forti. Tutti sanno come la penso io da ex presidente del Coni: questo sarà il primo problema per Valentina Vezzali. E poi c’è la pandemia con le sue conseguenze, un altro primo problema – ha aggiunto l’ex numero uno del Coni – Le federazioni stanno soffrendo molto, come tutto il Paese. Non voglio dire che i problemi dello sport siano più importanti, ma noi siamo dirigenti sportivi e dobbiamo pensare a questo. Ci vorrà del tempo, ma sapremo aspettare”.
Petrucci torna sui rischi corsi dall’Italia in ambito internazionale. “L’Italia ha rischiato di venire sanzionata dal
Cio, lo ha detto lo stesso Bach. Ma se lui non lo confermava molti non ci credevano, anzi a volte si faceva dell’ironia, anche da parte dello stesso Spadafora: il mio rapporto con lui non è stato idilliaco e non perchè io sono polemico, ma perchè lo sport bisogna conoscerlo. Lo sport aveva certamente bisogno di una riforma e io ero d’accordo con la riforma Giorgetti-Valente, ma poi si è voluto esagerare e la mia posizione è diventata contraria”, ha aggiunto.
Il numero uno della Federbasket ha anche parlato del preolimpico che attende la Nazionale azzurra. “So benissimo quanto sia forte la Serbia, noi ci prepariamo per vincere. Sulla carta loro sono più forti, ma noi vogliamo farcela: speriamo che non vinca il migliore. Abbiamo anche due chance con il 3×3 femminile, la qualificazione è alla nostra portata, anche se non sarà facile visto che incontriamo la Cina. Che Olimpiadi saranno? Vediamo a
fine marzo la regolamentazione del Cio, ma saranno Giochi
difficili, molti pronostici non saranno rispettati. L’assenza di
pubblico, se sarà confermata, e il fatto di vivere al villaggio
olimpico con diverse restrizioni saranno novità importanti. Ci
saranno tanti problemi: il Cio ha garantito che i Giochi si
faranno al 100%, io faccio il mio in bocca al lupo e speriamo
davvero sia così. Un ritorno di Messina in Nazionale? E’ il
miglior allenatore italiano e tra i migliori in Europa, ho grande
fiducia in lui. Non metto pressione perchè nessun accordo è
stato fatto e lui sta andando bene con Milano. Vedrò alla fine
quale sarà la situazione”.
(ITALPRESS).