Porti, Todaro: “Nella Sicilia occidentale stiamo vivendo rivoluzione”

PALERMO (ITALPRESS) – “La rivoluzione dei porti di competenza della Autorità della Sicilia occidentale (Palermo, Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle) passa anche dai servizi che vengono garantiti all’interno delle aree di competenza che sono affidati in concessione a Clp e PortItalia. In questi anni si sta vivendo una rivoluzione nei porti della Sicilia occidentale con la gestione del presidente Monti si è stravolta la vecchia portualità”, dice in una intervista all’Italpress Giuseppe Todaro, presidente di Clp e amministratore unico di PortItalia. “Oggi si sta andando verso una gestione di sviluppo di questi territori con le città che si stanno appropriando del loro mare e tutti i lavori completati e in via di definizione vanno in questa direzione. E noi stiamo cercando di allinearci con la qualità dei servizi”.
I porti della Sicilia occidentale oggi sono dei cantieri aperti, il che vuole dire nuove infrastrutture da rendere fruibili con nuovi servizi. Che si tratti di passeggeri, turisti o merci: “All’arrivo in un porto, un turista, un passeggero chiede pulizia e una viabillità ordinata, parcheggi fruibili e servizi all’altezza di quello che si sta vendendo. Oggi Msc e Costa stanno investendo a Palermo, così come Grimaldi e Gnv negli altri porti, per quel che riguarda le merci”, spiega Todaro, “questo vuole dire che credono in questo territorio e noi dobbiamo essere all’altezza dei servizi richiesti. Abbiamo creduto alla crescita del porto e stiamo lavorando in sinergia con l’Autorità per permettere questo sviluppo che sia trainante per la città”.
Nuovi servizi vuole dire anche nuove assunzioni: “abbiamo stabilizzato quasi 100 lavoratori in accordo con sindacati e autorità portuale, lavoratori che da anni aspettavano questa notizia e che fino ad ora avevano lavorato a chiamata, senza continuità lavorativa”, dice Todaro, “adesso i volumi ci permettono di procedere in questa direzione per quel che riguarda la Compagnia lavoratori portuali. Per le aziende di servizi abbiamo fatto assunzioni perchè sono aumentate le esigenze e questo ha creato la necessità di assunzioni che abbiamo già fatto a Palermo, Trapani e Termini Imerese. Ne faremo anche altre”.
(ITALPRESS).