Migranti soccorsi a Lampedusa, Ong RESQSHIP “Malta nega aiuto”

LA VALLETTA (MALTA) (ITALPRESS/MNA) – L’ONG tedesca RESQSHIP ha confermato che un gruppo di 86 migranti che era in difficoltà nella zona di ricerca e soccorso di Malta è stata salvata dalla guardia costiera italiana. I migranti sono stati portati a Lampedusa. L’ONG ha affermato che le autorità maltesi si sono rifiutate di salvare questo gruppo di migranti e ha accusato ancora una volta Malta di violare il diritto marittimo internazionale.
Un’altra ONG, Alarm Phone, ha confermato che i migranti erano fuggiti dalla Libia su una barca il cui motore si era spento. L’ONG ha affermato che i migranti erano esausti e dovevano essere soccorsi immediatamente.
RESQSHIP ha schierato la sua nave di soccorso, Nadir, e ha localizzato il gruppo di migranti, compresi bambini e tre donne incinte. Una persona ha ricevuto cura medica. Secondo l’ONG, le autorità italiane e maltesi sono state informate di tutti gli sviluppi.
L’ONG RESQHIP ha insistito sulla necessità di una nave più grande per portare i migranti in un porto sicuro, e ha affermato che le autorità maltesi hanno respinto la richiesta di assistenza.
L’ONG ha anche criticato la guardia costiera libica, accusandola di chiedere ai migranti di tornare in Libia. Alla fine, RESQSHIP ha confermato che la guardia costiera italiana ha offerto aiuto ai migranti e ha permesso loro un porto sicuro a Lampedusa.
L’ONG Alarm Phone ha criticato le forze armate maltesi per aver rifiutato l’aiuto ai migranti e ha condannato quella che ha definito “la nuova normalità nel Mediterraneo centrale”. Ha accusato l’AFM di aver violato la legge europea quando ha rifiutato di offrire aiuto.
(ITALPRESS).