Luna Rossa in finale alla Prada Cup, battuta American Magic

AUCKLAND (NUOVA ZELANDA) (ITALPRESS) – Il primo passo è fatto. Luna Rossa ha fretta, chiude i conti con American Magic in quattro regate, e stacca il biglietto per la finale della Prada Cup dove ad aspettarla ci sono gli inglesi di Ineos Team UK, vincitori imbattuti nei round robin.
Semifinale a senso unico quella fra l’imbarcazione italiana e gli statunitensi, con Luna Rossa che bissa davanti alla costa di Takapuna i due successi del giorno prima e archivia la pratica con un 4-0 che non ammette repliche. Nella prima regata della seconda giornata la partenza di entrambi è on time mura a dritta verso il boundary di sinistra. Ma Luna Rossa è sopravvento e riesce a controllare gli americani che sono costretti a virare verso destra. Già nella prima bolina la barca italiana costruisce il vantaggio che aumenta per tutta la regata, con distacchi ad ogni gate che oscillano tra i 20 e i 40 secondi, quanto basta per consentire a Luna Rossa di tagliare il traguardo precedendo gli avversari di 35 secondi. Nella seconda regata gli uomini di Max Sirena vincono la partenza mure a dritta, costringendo American Magic a virare e rimanere sulla destra del campo. Già nella prima bolina gli americani sono un centinaio di metri dietro e al primo gate il distacco è di 45 secondi. La situazione non cambia nemmeno più avanti perchè American Magic inizia ad avere evidenti problemi nella conduzione, costretta più di una volta a oltrepassare il boundary e prendere penalità. La regata si chiude così dopo 6 lati, con Luna Rossa in vantaggio di oltre 2 minuti e mezzo. Ora testa al 13 febbraio, per le prime regate della finale contro Ineos. “E’ stata una bella giornata – commenta soddisfatto Max Sirena, skipper e team director – Abbiamo raggiunto il primo step che era quello di andare in finale di Prada Cup. I ragazzi hanno portato benissimo la barca, alla perfezione, come avevamo programmato nella pretattica prima della regata. In tutte e due le partenze sono stati molto bravi a controllare l’avversario. Era una giornata non semplice, il vento era molto rafficato e in poppa era difficile mantenere il controllo. E’ solo il primo step da domani pensiamo alla finale che sarà difficilissima, quindi testa bassa e concentrati”. “Sono state due belle regate, i ragazzi hanno regatato molto bene oggi e hanno fatto pochissimi errori – aggiunge Jimmy Spithill, helmsman – Come squadra abbiamo lavorato bene”.
(ITALPRESS).